Consultinvest Pesaro: finale al cardiopalma per il terzo anno consecutivo?

Home Pagelle Serie A

Consultinvest VL Pesaro

(15° classificata in regular season)

victoria-libertas-biglietti-2

Roster:

PM: Semaj Christon, Nicolò Basile, Brandon Solazzi

G: Trevor Lacey, Marco Ceron

AP: Shaquielle McKissic, Michele Serpilli

AG: D.J. Shelton, Giulio Gazzotti

C: Maurice Walker, Francesco Candussi, Riccardo Rosa

 

La stella: Semaj Christonchriston

E’ senza ombra di dubbio Semaj Christon l’uomo di riferimento e da cui dipenderanno le sorti della nuova Consultinvest. Il prodotto dell’Ohio, uscito da Xavier University, ha solo sfiorato l’Nba nella passata stagione, quando è stato selezionato dai Miami Heat con la 55esima scelta, poi girato agli Hornets prima e ai Thunder poi. In Oklahoma, il ragazzo classe ’92 non ha trovato spazio tra le file di coach Brooks. Spedito in D-League, con gli Oklahoma City Blue, ha potuto mostrare maggiormente le sue doti realizzative, concludendo l’annata a 18.6 punti di media con quasi 6 assist a gara in 35 minuti di impiego. Estremamente atletico, Christon tende a buttarsi dentro anche a difesa schierata, cercando spesso il fallo e il gioco da 3 punti. Dalla lunga distanza non sembra ancora essere troppo affidabile ma se ne ha la possibilità la lascia andare senza pensarci più di tanto. A Pesaro, la point guard americana ha la possibilità di mettersi in mostra per ambire a palcoscenici più importanti, perché di talento il ragazzo ha dimostrato di averne in abbondanza e difficilmente il prossimo anno i tifosi biancorossi lo vedranno vestire ancora questa casacca.

 

L’arma in più: Trevor Lacey

Uscito da North Carolina State, Trevor Lacey non ha trovato fortune all’ultimo draft, dichiarandosi eleggibile ma poi non venendo considerato pronto per la massima lega. Il Diesse Cioppi su di lui non ha avuto dubbi: appena se ne è presentata l’occasione ha affondato il colpo, un po’ come con Laquinton Ross nella scorsa estate. Il ruolo della shooting guard americana sarà soprattutto legato alla sua fase offensiva: sarà infatti lui una delle principali bocche da fuoco della nuova Consultinvest. Le doti da scorer di fatto non gli mancano avendo concluso l’ultima esperienza in NCAA con oltre 15 punti di media e il 39% dall’arco in 36 minuti di utilizzo. Sulla carta un giocatore offensivo completo, a cui forse piace fermare un po’ troppo la palla a volte, ma che se riuscisse a dimostrare in Europa quanto di buono fatto vedere negli States, il futuro della VL sarebbe sicuramente più roseo.

 

Il coach: Ricky Paolini

La riconferma di Riccardo Paolini sulla panchina pesarese rappresenta, insieme a Nicolò Basile, l’unico punto di contatto con la passata stagione. A suo favore ha pesato, ovviamente, la salvezza raggiunta nello scorso campionato, quando, arrivato in corsa per sostituire l’esonerato Dell’Agnello, ha inanellato una serie di risultati utili consecutivi che poi hanno permesso alla VL di giocarsi la permanenza in serie A in casa all’ultima giornata contro Caserta. Non sarà facile, ma può essere proprio lui la figura in grado di compattare e dare un’identità ad una squadra ricca di giocatori giovani a cui va necessariamente assegnata una precisa linea guida sin da subito. Che sia di buon auspicio la possibilità di lavorare con il roster completo sin dalle prime battute della nuova annata.

 

ceron-venezia
Marco Ceron

Il mercato: ancora una volta rivoluzione totale

Le risicate finanze biancorosse non permettono troppi piani a lungo termine e nomi altisonanti, così anche per questa stagione si è provveduto ad un restyling completo della squadra, con la sola permanenza del neo capitano Basile. La strategia prevede un mix di giovani italiani che andranno a costituire la panchina e quindi boccate di ossigeno per i tanti minuti che probabilmente verranno assegnati ai 5 nuovi americani ingaggiati, tutti alla prima esperienza europea, ad eccezione del solo Shelton visto in Belgio. L’impressione è che a livello di quintetto, molto fisico, i giocatori appaiono abbastanza eterogenei e quindi più facilmente amalgamabili tra loro. Christon e McKissic hanno spiccate doti di penetrazione, quest’ultimo, insieme a Lacey, offre anche la possibilità di aprire il campo. Shelton può giocare sia vicino che lontano al ferro, o almeno così crede lui, mentre a Walker, 210 cm per 130 kg, sarà richiesta un’imponente presenza sotto i tabelloni. Ma dalla panchina qualcosa manca, soprattutto in cabina di regia e sotto canestro. Sarà Ceron l’uomo chiave della second unit a cui verranno affidati punti veloci in tempi brevi.

 

Le aspettative: metterne una dietro

E’ inutile fare troppi proclami: le ultime due stagioni hanno visto la Consultinvest giocarsi uno spareggio salvezza proprio all’ultima giornata e oggi i biancorossi partono ancora una volta dalle retrovie per le tante scommesse in ballo. E’ vero che non c’è due senza tre, ma a Pesaro si augurano di evitare l’ennesimo finale testa a testa in volata, magari raggiungendo il risultato con qualche turno di anticipo. L’obiettivo dichiarato è la permanenza nella massima serie. Il desiderio sarebbe quello di avere azzeccato il mercato estivo, specialmente in chi andrà a comporre lo starting five. Allora in quel caso, qualche soddisfazione gli uomini di coach Paolini potranno anche regalarla ai propri tifosi.

Fonte foto di copertina: pagina Facebook VL Pesaro

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.