Gianni Petrucci EuroLega

Contributi alla FIP pari a quanto pagato per avere Gallinari al Mondiale, secondo la Federazione

Home Serie A News

In mattinata ha generato molta rabbia negli uffici della FIP la decisione del Governo di allocare solo il 5.6% in più di contributo alla Federazione presieduta da Gianni Petrucci. Dei 288 milioni di euro a disposizione dello sport italiano, secondo quanto approvato dal CdA di Sport e Salute, solo una minima parte sono infatti stati destinati al basket. Fondi molto più cospicui sono stati dati alle Federazioni di pallavolo (+15.2%), atletica e ciclismo.

La decisione ha fatto arrabbiare Petrucci, la FIP ha polemizzato sulla decisione per mezzo di un comunicato stampa. Nel testo si legge: “L’aumento destinato alla Fip è pari al costo versato all’NBA per avere l’atleta Danilo Gallinari al Mondiale in Cina nel 2019 per soli 28 giorni. Così si continua a fare assistenzialismo. Non si considera che il basket è una Federazione Sportiva Nazionale professionistica, con le conseguenze fiscali che impongono maggiori risorse per rispettare le attuali normative vigenti.”.

Questo il comunicato della FIP per intero:

La Fip esprime il proprio dissenso circa l’assegnazione dei contributi alle Federazioni da parte di Sport e Salute per l’anno 2022.

È inaccettabile che chi gestisce le erogazioni dei contributi allo Sport non lo conosca.
Peraltro i destinatari dei contributi devono conoscere in anticipo i criteri che determinano tali assegnazioni. Ci si chiede se esista, tra le varie valutazioni fatte, anche un sistema ponderale che allinei ad esempio la forza delle singole discipline sportive rispetto alla loro diffusione mondiale e la frequenza dei Campionati continentali e mondiali per definirne il “peso” dei risultati sportivi.

L’aumento destinato alla Fip è pari al costo versato all’NBA per avere l’atleta Danilo Gallinari al Mondiale in Cina nel 2019 per soli 28 giorni.
Così si continua a fare assistenzialismo.

Non si considera che il basket è una Federazione Sportiva Nazionale professionistica, con le conseguenze fiscali che impongono maggiori risorse per rispettare le attuali normative vigenti.

Una volta a conoscenza dei criteri di assegnazione stabiliti da Sport e Salute sarà cura della Fip compiere analisi dettagliate attraverso un’azienda leader di settore.

Pur rimanendo immutata la stima nei confronti del Direttore Generale dott. Nepi Molineris, entrato in corsa e che ci si augura possa in qualche modo cambiare gli scenari, consola il fatto di aver sempre espresso riserve sull’operato di Sport e Salute.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.