Copa del Rey: Gran Canaria conquista la prima finale della sua storia, dall’altra parte troverà il Real Madrid

Estero Home Spagna

Dominion Bilbao Basket – Herbalife Gran Canaria 71-81

Albert Oliver ha deciso la partita con i suoi 18 punti.
Albert Oliver ha deciso la partita con i suoi 18 punti.

La semifinale più inaspettata è indubbiamente quella tra Bilbao e Gran Canaria, le due “underdog” che hanno eliminato rispettivamente Barcellona e Valencia Basket. Per entrambe le squadre, un approdo alla finale di coppa sarebbe un risultato insperato, nonché un successo. Senza pressioni, comincia bene il Bilbao Basket, grazie alla vena realizzativa di Hannah e all’imponente presenza fisica di Bogris all’interno del pitturato. Gran Canaria non c’è e va sotto anche nel secondo quarto: 46-34 all’intervallo.

Nel terzo periodo Los Hombres de Negro raggiungono il massimo distacco grazie a un canestro del capitano Mumbrù (+19), ma un infortunio al play basco Raul Lopez cambia l’inerzia della gara. I pio-pio riaprono la partita con un parziale di 0-11 e sono abili a sfruttare lo sbandamento momentaneo di Bilbao. Il solito Albert Oliver dirige al meglio la truppa canarina, che arriva negli ultimi minuti di gioco con un cospicuo vantaggio, mantenuto quasi invariato fino alla sirena finale. Con il punteggio di 71-81 Gran Canaria si aggiudica la prima finale di Copa del Rey della propria storia.

Bilbao: Slezas, Ruoff, Borg ne, Bertans 13, Mendia, Hannah 20, Bogris 8, Mumbrù 17, Hervelle 6, Todorovic 2, Lopez 5, Suarez.

Gran Canaria: Pangos 9, Oliver 18, Savané 1, Newley 4, Salin 12, Seeley 6, Baez 10, Pasecniks ne, Pauli, Rabaseda 4, Omic 9, Aguilar 8.

Caja Laboral Baskonia – Real Madrid 80-86

Ancora Llull immarcabile negli ultimi minuti; ancora una vittoria per il Real.
Ancora Llull immarcabile negli ultimi minuti; ancora una vittoria per il Real.

La seconda semifinale non aveva il fascino della prima in quanto sia Real Madrid che Caja Laboral erano teste di serie, ma si dimostra altrettanto combattuta. Le due squadre si affrontano a viso aperto, senza remore; e se il primo quarto appartiene a Los Blancos, i secondi dieci minuti sono un assolo dei baschi. All’intervallo la partita è quasi in perfetto equilibrio sul 44-40.

Il secondo tempo continua sulla falsa riga del primo, con Rodriguez e Ayon che deliziano con un pick&roll di pregiata fattura. Dall’altra parte è un Bourousis inedito cecchino dall’arco dei 6.75 metri a tenere a galla il Caja Laboral. A poco più di un giro d’orologio dal termine, però, si accende l’uomo più clutch che il Real abbia tra le sue file: Sergio Llull. Il numero 23 delle merengue si carica la squadra sulle spalle sull’80-78 e la porta a una vittoria importantissima, segnando tutti gli otto punti finali del team. In finale il Real affronterà l’Herbalife Gran Canaria.

Caja Laboral: James 6, M.Diop ne, Causeur 14, Hanga 12, Bourousis 16, Blazic 5, I.Diop 3, Tillie 8, Adams 15, Corbacho ne, Bertans 1.

Real Madrid : Rivers 5, Nocioni 11, Doncic ne, Maciulis 8, Reyes 8, Rodriguez 13, Ayon 14, Carroll 8, Lima 2, Llull 15, Hernangomez 2, Taylor.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.