Crawford e Mathiang allungano il periodo nero di un’Armani Exchange spossata. Al Pala Radi Cremona la vince nel secondo tempo

Home Serie A News Recap

VANOLI CREMONA – ARMANI EXCHANGE OLIMPIA MILANO76-72

(16-24, 16-12, 15-15, 29-21)

Continua il periodo di crisi dell’Armani Exchange Milano. Sul parquet della Vanoli Cremona, la squadra di Pianigiani non riesce a sbloccarsi e appare stanca sia fisicamente sia mentalmente. Dopo un inizio anche convincente, Milano perde lucidità nella seconda metà della gara soffrendo la difesa pressante della Vanoli – il fulcro della gara è lo scontro tra Mathiang e Tarczewski – e trovando difficoltà nella manovra offensiva. La Vanoli, dal suo canto, riesce a sopperire alla mancanza del tiro da tre punti con un’ottima difesa che scardina i piani dell’Olimpia e la vince soprattutto sotto canestro con un Mathiang da 12 punti e 13 rimbalzi e un Crawford da 24.

Un approccio energico è necessario, ma non è sufficiente ad entrambe le squadre per lanciare davvero la partita. Jeff Brooks sbaglia i primi due tiri della sua gara, Cinciarini riesce a correggere gli errori e allora l’Armani Exchange mette la testa avanti sul 2-5. Cremona fatica a trovare il canestro da oltre l’arco – 0/5 – ma riesce a bucare la difesa milanese nell’uno contro uno grazie alle penetrazioni di Crawford e Saunders (8-11). Quando si entra nella seconda metà della frazione, è Nunnally a caricarsi la squadra sulle spalle con due triple in fila – in un parziale di 10-3 – che equivale al doppiaggio di Milano sulla Vanoli (11-22). Cremona risponde con le giocate di Mathiang e Stojanovic, ma è ancora l’ex Rockets a spegnere gli entusiasmi.

In apertura di secondo quarto Pianigiani schiera la panchina. Burns firma i primi quattro punti dei suoi, poi però Milano perde lo smalto del primo quarto. La Vanoli prende confidenza col canestro e sigla un parzialone di 14-2 caratterizzato dall’energia e la presenza sotto canestro di Mathiang, la fantasia di Stojanovic e i punti di Crawford che segna il sorpasso sul 30-28. L’Armani Exchange paga il fatto di voler alzare il ritmo con la frenesia e sprecando qualche occasione sotto canestro con Tarczewski, poi in chiusura di quarto l’americano, Fontecchio e Jerrells  garantiscono il vantaggio bianco rosso (30-36). Cremona potrebbe agganciare gli ospiti ma Ricci contribuisce al vantaggio milanese lasciando per strada 4 punti fondamentali, per lui 0/5 da due alla pausa.

Al rientro dagli spogliatoi, solo Ricci e Nunnally vanno a segno (34-38) nel primo minuto e mezzo. Poi Crawford si accende con 4 punti in fila, Mathiang continua ad essere fastidioso in difesa e la Vanoli riesce a trovare il 38 pari. Si innesca così il punto a punto che accompagna le squadre verso la fine del quarto. L’Armani Exchange corre sul campo fornendosi dei propri lunghi in transizione per andare sul 42-44, Nunnally allunga sul +4, ma è Ricci ad annullare gli sforzi con la sua seconda tripla della serata (3/19 totale per Cremona). Crawoford e Jerrells si scambiano gli ultimi colpi prima dell’ultima pausa della gara prima della battaglia del quarto quarto.

Una tripla di Diener e l’appoggio a canestro nato dal dodicesimo rimbalzo di un immenso Mathiang sotto canestro infiammano il Pala Radi. La Vanoli si trova avanti 56-53 e decide di spingere sull’acceleratore cavalcando l’atletismo e l’energia del proprio centro sudsudanese (58-53). La sfida è tutta sotto canestro nella metà campo della Vanoli. Appena Tarczewski tocca il pallone, Mathiang è veloce ad infastidire l’americano che spesso viene raddoppiato o mandato in lunetta. E’ 58-56 a Cremona, poi Crawoford decide di fare piazza pulita. ll figlio di Joey piazza 9 punti prima degli ultimi 2′ di gioco per il 67-62. L’Olimpia non riesce ad alzare il ritmo, fatica ad offendere ma trova comunque qualche punto di Nunnally e Tarczewski, più volte mandato verso canestro ma sofferente del confronto con Mathiang. Sul 71-68, Crawford e Saunders chiudono la gara dai liberi, Milano continua a cercare tiri da due senza effetti decisivi sulla gara. A Cremona termina 76-72.

Vanoli Cremona: Aldridge 2, Saunders 13, Diener 11, Ricci 8, Crawford 24, Gazzotti 0, Stojanovic 6, Mathiang 12 con 13 rimbalzi, Feraboli NE, Ruzzier 0; 

Armani Exchange Olimpia Milano: Micov 2, Nunnally 19, Tarczewski 21, Della Valle 0, Cinciarini 8, Fontecchio 2, Burns 4, Kuzminskas 2, Tosi NE, Jerrells 6, Brooks 8, Omic NE; 

Qui le statistiche complete 

 

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.