Cremona tutta italiana? Vacirca: “Servono nuove idee, si potrebbe pensare ad una sorta di Club Italia”

Home Serie A News

La Serie A che inizierà tra qualche mese, per la stagione 2020-21, sarà sicuramente molto diversa da quella che abbiamo imparato a conoscere in questi ultimi anni: i cambiamenti, non si sa ancora quali, saranno imposti dal coronavirus e da una crisi economica che tutti si attendono.

Qualche idea, per il proprio club, l’ha data Gianmaria Vacirca, responsabile scouting della Vanoli Cremona ed ex dirigente per diverse formazioni di Serie A in passato. Secondo Vacirca, un’opzione potrebbe essere quella di trasformare la Vanoli in una sorta di “Club Italia”, una squadra con soli italiani o con al massimo due stranieri, approfittando anche della presenza di Meo Sacchetti, CT della Nazionale azzurra, in panchina. Queste le sue parole a La Provincia di Cremona:

È il momento di pensare a nuove idee. Si potrebbe creare un progetto fortemente italiano, trasformandoci in una sorta di Club Italia, contando anche sull’allenatore della Nazionale. Potremmo pensare alla nostra squadra come una sorta di sperimentale permanente in cui formare giocatori, parlandone anche con la Federazione. Spazio e minuti per tutti, con un roster italiano al 100% oppure con al massimo due stranieri, come si faceva una volta. Oltre a questo, la possibilità di testare i possibili naturalizzati di cui si parla tanto in questo periodo e dare un primo approdo ai rookie che hanno scelto il college. Un esempio sarebbe convincere Davide Moretti che il suo anno da senior potrebbe essere a Cremona.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.