Hackett: “Sto bene, pensiamo a una partita alla volta”

Home Nazionali

Anche Daniel Hackett ha parlato ai microfoni di Sky Sport in occasione del Media Day della Nazionale. Il neo giocatore del Bamberg, reduce da un infortunio al bicipite femorale della coscia destra, ha assicurato di “Essere in forma, felice di essere con il gruppo e pronto per l’avventura”.

Cosa dovrete fare di diverso quest’anno?

Sicuramente dobbiamo ritrovare un equilibrio dopo la forte delusione dell’anno scorso, dove speravamo tutti nel risultato. Essere sereni e divertirci giocando a pallacanestro, che è la cosa più bella e semplice da fare. Poi sarà coach Messina a darci i piani gara e starà a noi interpretarli e giocare una buona pallacanestro.

Gentile e Bargnani sono due assenze pesanti. Ora non si dirà più che questa è la Nazionale più forte di sempre, questo può togliervi un po’ di pressione?

Alessandro e Andrea sono due stelle della pallacanestro europea e mondiale, due giocatori fenomenali e sicuramente si sentirà la loro assenza. Però questo è il gruppo, dobbiamo fare tutti qualcosa in più e guardare con serenità al primo obiettivo, che è quello di vincere la prima partita contro Israele. Se guardiamo una partita alla volta, forse il tragitto sarà più facile.

Quanto sono stati importante per la tua carriera gli ultimi anni all’Olympiacos?

Fondamentali. Mi hanno aperto la mente a quello che c’è al di fuori dell’Italia. La pallacanestro europea è complessa e diversa. Il livello dell’Eurolega non è paragonabile a quello della NBA, ma è comunque altissimo.

Torneresti a giocare in Italia?

Volentieri, perchè no? Il piano era quello di rimanere all’estero e giocare al livello più alto possibile ovvero nell’Eurolega. Ho la fortuna di raggiungere un club in ascesa come il Bamberg in Germania, con coach Trinchieri. Un’organizzazione super in una città piccola ma storica. Sono campioni di Germania da tre anni di fila e stanno andando bene in Europa. La voglia di tornare c’è sempre, però ora lo faccio in vacanza nella mia Pesaro. Vedremo in futuro.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.