Davvero nessuna stella vuole più giocare al fianco di LeBron James?

Home NBA News

Per la prima volta dai tempi della prima Cleveland, quest’anno LeBron James ai Los Angeles Lakers si è ritrovato da solo, senza All Star al proprio fianco, nonostante un core giovane e talentuoso. Ric Bucher ha condotto un’inchiesta all’interno della NBA, producendo per Bleacher Report un articolo dal titolo “Why doesn’t anyone want to play with LeBron anymore?” (“Perché nessuno vuole giocare più con LeBron?”).

La tesi dell’articolo è che, a questo punto della carriera e in questa NBA, una giovane star non è incentivata a fare da spalla a James, un aspetto rilevante se si pensa che in estate Paul George ha preferito rimanere ai Thunder che unirsi a LeBron a LA, e che lo stesso potrebbero fare tra qualche mese Kawhi Leonard e Kevin Durant, i due free agent più “pesanti” dell’estate 2019.

Bucher ha intervistato diversi giocatori in giro della Lega, e tutti hanno dato un’opinione a riguardo. “Se fossi free agent, considererei tutto. Ma il mio è un ruolo differente da quello di George o Leonard. A loro chiedono cose diverse rispetto a me. Perché dei giocatori simili a LeBron dovrebbero voler giocare con qualcuno che fa le loro stesse coso? Capisco perché vogliano andare da altre parti”, ha commentato Trevor Ariza.

“Se hai LeBron, tutto gira inevitabilmente intorno a lui. Devi essere bravo a coesistere e ad adattarti. Chi sei tu, a che punto della carriera sei, e come ti adatti? E’ un sacrificio, ma è un sacrificio per vincere”, ha invece detto Tyson Chandler, che ora gioca proprio al fianco di James, a 36 anni. Si è dilungato di più Durant, avversario del #23 nelle ultime due Finals, entrambe vinte da MVP: “Dipende da che giocatore sei. Se sei Kyle Korver, allora ha senso [giocare con James, ndr]. Perché Korver ad Atlanta era la maggior parte dell’attacco, e non è una prima opzione offensiva, non ci va nemmeno vicino. Quindi il suo talento porta più beneficio ad un giocatore che sa passare e penetrare per smarcarlo. Se sei un giocatore giovane come Kawhi, cercare di accoppiarti con LeBron non ha davvero senso. A Kawhi piace avere la palla in mano, controllare l’attacco, dettare il tempo con i post-up. Gioca così. Tanti giovani si stanno sviluppando in questo modo. Non gli serve una spalla. Kevin Love ha dovuto completamente cambiare il proprio gioco per adattarsi, è diventato un tiratore. E penso che meriti molto più credito per questo cambiamento. Con Bosh è stata la stessa cosa. LeBron deve giocare con ragazzi che conoscono il suo gioco, e tiratori. Per giovani che si stanno ancora sviluppando sarà sempre difficile, perché richiede molto la palla, vuole avere il controllo dell’attacco e creare per tutti. Inoltre, stare intorno a LeBron porta tanta attenzione da parte delle altre persone. Ha così tanti fanboy nei media. Anche i giornalisti lo adulano. Voglio dire, stiamo giocando a basket, e non c’entra davvero il basket in alcune di queste situazioni. Quindi capisco che molti non vorrebbero trovarsi in un simile ambiente, perché è tossico. Specialmente quando l’attenzione è per le s*******e. Non è comunque colpa di LeBron, è solo il fatto di avere così tante groupies nei media che amano attaccarsi a ogni parola. Levatevi e lasciateci giocare a basket”.

Proprio Leonard ha un pensiero ancora diverso, ma non ritiene di dover dimostrare nulla che lo possa portare a scegliere James come compagno: “Che cos’altro ho da provare? Mi ha battuto alle Finals, l’anno dopo ci siamo incontrati di nuovo e l’ho battuto io. L’unica cosa che mi interessa adesso è vincere la partita quando ci scontriamo, nient’altro”. Il punto del suo ex compagno Rudy Gay agli Spurs è invece un altro: “Molte persone stanno ricominciando a pensare ‘Posso essere forte… quanto lui’. E quindi a volte pensano che giocare con qualcuno del genere potrebbe ostacolarli, forse, dall’arrivare lì, perché gli toglie tante opportunità, ed è giusto, perché è stato grande per così tanti anni”.

Qui potete leggere l’articolo completo.

  • 374
  •  
  •  
  •  

Commenta

Please Login to comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.