Deadline FIBA: rispondono Slovenia, Russia e Grecia

Coppe Europee

Oggi è un giorno chiave per le federazioni europee con club coinvolti nella partecipazioni all’ECA (Eurolega ed Eurocup): la FIBA aveva messo in chiaro che, per 14 nazioni, la giornata odierna sarebbe stato l’ultimo giorno utile per tagliar fuori i club dalle competizioni europee. Per il momento sono arrivate le risposte di Serbia e Spagna ieri, oggi da Grecia, Russia e Slovenia.

Per le prime due, le risposte di supporto all’Eurolega sono state negative, come riportato da Sportando: Andrei Kirilenko, come presidente della corporazione del suo paese, ha già messo in chiaro che le squadre che parteciperanno all’Eurocup saranno squalificate, mentre gli ellenici hanno confermato di non aver permesso ad alcuna propria compagine l’iscrizione all’Eurolega e di essere determinati a supportare la FIBA.

Chi invece non è d’accordo sul potere decisionale dell’organizzazione, è la Slovenia, la quale ha messo in chiaro di supportare la FIBA e di non aver firmato accordi con l’ECA, ma, poichè due squadre dell’ex-stato jugoslavo fanno parte della Lega Adriatica, entità indipendente e riconosciuta dalla FIBA Europe stessa ma che ha firmato con l’ECA, ritiene ingiusta e senza basi la squalifica dell’organo centrale europeo. Per questo la federazione ha messo in chiaro, in una lettera mandata alla FIBA, di passare la palla alla Lega Adriatica ed Eurolega, prima di coinvolgere l’organo nazionale.

Cinque risposte sono arrivate, si aspettano le altre nove, tra cui quella della FIP, prima di avere un quadro completo ma ormai sembra che per l’ECA non ci saranno federazioni ad appoggiarla.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.