Dell’Agnello:”Problema di leadership.Il pubblico deve sostenerci”

Home Serie A News

A 8 giorni dalla gara senza appello contro Trento che vale una stagione, coach Dell’Agnello ha parlato alla stampa direttamente dallo Juve Caserta Store: “Grazie per essere venuti ma ci tenevo a parlare con voi ed i tifosi. Non ho mai vissuto in 35 anni da professionista un anno del genere con tante disavventure che portano delle scorie che sono state ben visibili a Brindisi. Siamo partiti dell'agnello casertasbagliando due tiri facili e perdendo subito quattro palloni tra Siva e Giuri e nel terzo periodo le facce non erano giuste. Abbiamo sbagliato ben sei sottomano e questo incide parecchio sul morale. Linton Johnson avrebbe potuto giocare a Brindisi ma non era al top dal punto di vista fisico per un ematoma al ginocchio, mentre sabato Slokar ha avuto un problema all’occhio dopo una pallonata subita. Ho parlato coi giocatori, ho spiegato che quando le cose girano male devono attendere con pazienza che il momento negativo passi. Non stiamo qui a piangere perchè ora non è il momento di pensare agli errori. Noi ci siamo e siamo attaccati alla maglia, nonostante nel basket di oggi ogni squadra abbia le porte girevoli.  Faccio un appello a tutti: riempiamo il Palamaggiò anche grazie alla splendida iniziativa della società (biglietti a 1 € in vendita da domani, ndr). Abbiamo bisogno dei tifosi casertani anche se dovessimo iniziare la gara con uno 0/4 al tiro, perchè iniziare a mugugnare non farebbe altro che mandarci in confusione. Dopo Brindisi avevo deciso di fare allenamento lunedì ma non ci siamo riusciti a causa degli infortuni: idem oggi. Ci aspetta l’ultima settimana di lavoro:  vogliamo vincere. Il calo di rendimento di Siva e Downs c’è stato, devo supportarli e non bastonarli. Siva perde la calma e l’efficacia al primo fischio contro che non gli piace, mentre il secondo ha perso totalmente fiducia. Inciucio contro di noi? Non credo proprio, è sempre il campo che parla ma ora spero di arrivare a martedì con tutti i giocatori al 100%. Trento ha lunghi che aprono bene il campo tirando anche da 3 punti dunque, forse, Johnson va meglio rispetto a Slokar ma deciderò martedì prossimo sperando di avere la possibilità di poter scegliere. Ci stanno pagando regolarmente e non c’è problema stipendi. Più che altro – conclude Dell’Agnello – abbiamo un problema di leadership da un pò di tempo a questa parte”.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.