DeMarcus Cousins non sembra gradire il nuovo contratto di Thompson

NBA News

Nella notte italiana si è finalmente conclusa una delle telenovele che ha tenuto banco nel mercato NBA di quest’estate: il futuro di Tristan Thompson. Il lungo ha rinnovato con i Cleveland Cavaliers con un quinquennale da 82 milioni di dollari, ovvero oltre 16 a stagione, cifra che ha fatto storcere il naso a molti dal momento che il canadese si è fatto notare veramente soltanto agli ultimi Playoffs, quando Kevin Love era in infermeria, e ora che l’ex T’Wolves è tornato in campo avrà un ruolo di riserva, sesto uomo al massimo.

Tra questi tanti che hanno storto il naso c’è anche DeMarcus Cousins, che non è la prima volta che affida a Twitter i suoi pensieri senza nominare il diretto interessato, ma con un messaggio molto chiaro:

 

DMC è particolarmente coinvolto nella vicenda perché, solo l’anno scorso, ha firmato un rinnovo con i Sacramento Kings per quattro anni e 65 milioni totali, una cifra quindi molto simile a quella che percepirà Thompson. Se però il giocatore dei Cavs sarà un comprimario nella sua squadra, Boogie avrà invece tutti i riflettori su di se in California, chiamato ad un ulteriore salto in avanti rispetto a quanto fatto vedere la passata stagione. D’altronde, queste sono le conseguenze della crescita del salary cap nelle prossime stagioni.

Cousins ha anche risposto ad un fans che, letto il tweet su Thompson, gli ha suggerito di smettere di litigare con i vari coach (riferito a George Karl e al cattivo sangue che scorrerebbe o sarebbe scorso tra i due) per poter firmare contratti più remunerativi. La situazione non ha nessun collegamento con il salario che percepisce il giocatore, ma nonostante questo il centro dei Kings ci ha tenuto a rispondere con ironia:

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.