Dimitris Giannakopoulos ha accusato gli arbitri del derby di Atene, compreso Paternicò, di avere scommesso contro il suo Pana

Coppe Europee Eurolega Home

Torna a fare parlare di sé Dimitris Giannakopoulos, l’appariscente e sanguigno proprietario del Panathinaikos che solo qualche mese fa aveva dichiarato guerra all’Eurolega e minacciato di lasciare le competizioni Uleb. Stavolta, al termine del derby di Atene contro il Panathinaikos vinto dai suoi, avrebbe secondo il referto arbitrale accusato gli ufficiali di gara, tra cui l’italiano Carmelo Paternicò, di avere scommesso 20mila euro sulla vittoria dell’Olympiacos.

Nel referto, al terzo punto, si legge: “Quando è finito il secondo quarto il proprietario della squadra di casa (Mr. Giannakopoulos) aspettava dentro il tunnel degli spogliatoi e ci ha detto: ‘Sappiamo tutto’ – più volte – ‘Sappiamo della vostra scommessa di 20mila euro, 20mila il polacco, 20mila l’italiano, solo lo spagnolo è innocente. Lo diremo a Bertomeu [CEO di Uleb, ndr] e riveleremo tutto’.”

Come riportato dal sito greco sport24.gr, il Panathinaikos avrebbe poi precisato le parole di accusa, dirette anche ai rivali, che sarebbero state tradotte male dagli arbitri: “So che l’Olympiacos ha pagato 20mila il polacco e 20mila l’italiano”.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.