Dinamo Sassari: vincere per continuare a sorprendere

Home

Dinamo Banco di Sardegna Sassari
dinamo-sassari-logo

La Dinamo Sassari nei primi 3 anni di Serie A, ha sempre sorpreso gli addetti ai lavori ottenendo risultati che sembravano impossibili da raggiungere a inizio stagione.
Nello scorso campionato, pur raggiungendo il secondo posto in classifica in regular season, si è arresa al primo turno dei playoff, venendo sconfitta all’ultimo secondo di gara 7 dalla Lenovo Cantù. Durante l’estate la squadra del presidente Sardara ha costruito un team competitivo che proverà ancora una volta a confermarsi tra le grandi d’Italia.

Travis Diener sarà ancora una volta la stella della Dinamo Sassari (isolabasket.it)
Travis Diener sarà ancora la stella della Dinamo Sassari (isolabasket.it)

La stella:

Il giocatore più rappresentativo della squadra è senza dubbio Travis Diener. Il playmaker di Fond Du Lac, al quarto anno con la maglia di Sassari, in estate ha firmato un prolungamento del contratto fino al 2017. Travis, che ha alle spalle 5 anni NBA, l’anno scorso con 16.4 punti e 7.1 assist a partita ha passato la sua miglior stagione in Italia. TD, che in estate ha giocato anche con la Nazionale di Simone Pianigiani agli Europei in Slovenia, con la sua invidiabile visione di gioco, cercherà ancora una volta di far sognare ai tifosi sassaresi un posto tra le grandi d’Italia.

L’uomo in più: Drake Diener e Omar Thomas

Come fatto con Venezia, abbiamo preso in considerazione due giocatori. Il primo, al terzo anno alla corte di Sacchetti, è reduce da un campionato strepitoso che gli ha permesso di venire nominato tra i migliori tre giocatori del campionato. Drake, che si adatta benissimo al gioco Sacchettiano, con Sassari sta vivendo le sue migliori stagioni da pro in Italia, dopo la deludente esperienza di Teramo. Il 43% da 3 e l’oltre 85% ai liberi fa di Drake un giocatore affidabile a cui assegnare i tiri decisivi (come già successo nella stagione 2011-2012 contro la Virtus ai playoff e nel 2013-2013 contro Cantù).

Omar Thomas in esclusiva a Basketuniverso (dinam1960.blogspot.com)
Omar Thomas (dinamo1960.blogspot.com

L’altro giocatore preso in considerazione è Omar ThomasBlack Jesus rientra in Italia dopo aver scontato una squalifica dovuta al passaporto falso. Nella precedente stagione in quel di Samara ha trionfato in Eurochallenge. Alla corte di Sacchetti è arrivato un giocatore con una grande intelligenza cestistica e capace di essere determinante sia in attacco che in difesa. Da segnalare il titolo di MVP nella stagione 2010-2011.

Meo Sacchetti è al suo quinto anno sulla panchina di Sassari (noi.caserta.it)
Meo Sacchetti è da cinque anni alla guida di Sassari (noi.caserta.it)

L’allenatore: Meo Sacchetti

L’allenatore pugliese, nella sua esperienza in terra sarda, ha prima portato Sassari nell’Olimpo del basket e poi ha fatto sì che la squadra affrontasse per tre stagioni consecutive i playoff scudetto. Dalla sua parte ha sempre avuto il pubblico (uno dei migliori d’Italia) e uno staff capace di accontentare le richieste dell’uomo dei miracoli sassarese.
Meo, nella sua carriera da allenatore, è riuscito a compiere miracoli anche in quel di Capo d’Orlando, che, con l’aiuto di Pozzecco, era riuscita a raggiungere miracolosamente i playoff scudetto.

Il mercato: panchina lunga per arrivare più freschi ai playoff

Dopo l’esperienza del precedente campionato, che aveva visto Sassari dominare insieme a Varese la regluar season e venire poi eliminata già al primo turno dei playoffSardara & co. hanno preferito costruire una squadra più lunga per far sì che si arrivasse ai playoff con maggiori risorse. Sassari si affacciava al mercato con la certezza di avere a disposizione solo il cosiddetto “zoccolo duro” composto da Manuel VanuzzoGiacomo DevecchiBrian Sacchetti e Mauro Pinton, quest’ultimo però, partito alla volta di Barcellona Pozzo di Gotto.
Sassari ha aggiunto tra le proprie fila giocatori del calibro di Omar ThomasLinton  JohnsonMarques Green, i tre giocatori che hanno fatto sognare Avellino. A questi si aggiungono Caleb Green, un giocatore con un invidiabile tiro dalla distanza e ovviamente i cugini Diener. Per quanto riguarda i giovani presenti in squadra, Juan Fernandez e Amedeo Tessitori, tra Europa e Campionato avranno modo di dire la loro e di ritagliarsi minuti importanti.L’obiettivo: conquistare i playoff per sognare

L’obiettivo: la conquista dei playoff come obiettivo principale

L’obiettivo principale della piccola realtà sarda, è senza dubbio quello di conquistare i playoff il prima possibile senza consumare troppo carburante in modo da non ritrovarsi a secco come successo nello scorso campionato. Una volta raggiunto questo traguardo, i tifosi sassaresi potranno cominciare a sognare.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.