Dirk Nowitzki chiama Dwight Howard e parla riguardo il suo odio verso i Miami Heat

Home

dirkDirk Nowitzki nelle ultime ore ha avuto ben due occasioni per raccontarsi, così ha parlato del suo odio che nutre verso i Miami Heat in radio e ha confessato ad un giornale locale di aver sentito Dwight Howard e di aver provato a convincerlo a firmare per i suoi Dallas Mavericks.

Il centro ex-Magic (e ormai quasi ex-Lakers) sarà Free Agent lunedì e molte squadre sono disposte a fare pazze acrobazie pur di raggiungerlo. In testa sembra ci sia il trio Hawks-Rockets-Mavericks. I primi hanno dalla loro parte il fatto di essere nella città natale di DH12, i secondi hanno dalla loro un progetto giovane che fa ben sperare, i terzi hanno dalla loro Dirk Nowitzki e Mark Cuban, due personaggi che godono di grande stima nell’ambiente NBA. Proprio il tedesco MVP delle Finals 2011 ha confessato di aver sentito Howard per telefono:

“Ci siamo sentiti al telefono e li ho detto che sarebbe fantastico giocare insieme”

Dirk parla poi della Free Agency in generale:

“E’ una free agency abbastanza ricca, siamo nelle condizioni di avere varie opzioni. Se Dwight Howard dirà di no ci saranno altri Free Agent di primo livello che potremo firmare, altrimenti cercheremo di costruire un roster formato da giocatori non All-Star ma molto promettenti”

In effetti è davvero difficile che, durante questa sessione di mercato, nessun grande giocatore raggiunga Dallas. La piazza è molto ambita dai giocatori NBA e i Mavs potrebbero tornare competitivi sin da subito. Da segnalare, inoltre, che a livello tattico e tecnico l’arrivo di Howard potrebbe essere una svolta del tutto positiva visto che con Dirk sono perfettamente complementari come caratteristiche su entrambi i lati del campo.

In uno show radiofonico “WunderDirk” ha poi parlato dei Miami Heat, la squadra che lo ha battuto in modo incredibile nelle Finals 2006, vendicate poi nel 2011. Quella serie finale, di cui Dirk fu l’MVP, rimane ancor oggi l’unica serie di Playoff persa da Miami da quando Bosh e James si sono uniti a Wade. Ecco cosa ha detto Nowitzki a riguardo:

“L’odio è un sentimento troppo forte, nella mia vita non ho mai odiato tanto, sono un ragazzo alla mano ma i Miami Heat per me sono ciò che si avvicina di più al concetto di “odio. Chiaramente tutto è cominciato nel 2006 quando Wade, dopo averci soffiato il titolo, ha anche puntato il dito accusandomi di non essere un vero leader. Quest’anno, dopo la vittoria dell’anello Spoelstra ha detto che hanno giocato la serie più difficile di questi tre anni. Avrei preferito dicesse “La serie più difficile che abbiamo vinto”. Ok, è stata una serie pazzesca, ma noi siamo riusciti a batterli.”

 

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.