Italbasket Sasha Djordjevic

Djordjevic: “È stato fatto tanto in questa stagione e voglio continuare con questo gruppo in cui ho sempre creduto”

Home Serie A News

Coach Sasha Djordjevic ha parlato ieri sera su Radio Bologna Uno. Ecco un estratto delle sue parole.

Sulla Virtus che verrà: “Possiamo solamente parlare di desideri per adesso. I tifosi si sono legati ai giocatori e i giocatori hanno fatto lo stesso, ma anche la società, io in primis. Io voglio continuare con questo gruppo di giocatori perché ho creduto in loro fino al primo giorno quando li abbiamo scelti. Grazie all’investimento societario, con la scelta di contratti pluriennali, abbiamo cercato di creare qualcosa di duraturo per la Virtus Segafredo, non solo un’annata. Io penso che in tanti potremmo continuare anche l’anno prossimo.” 

Sulla decisione di annullare la stagione: “Si è fermata la stagione, giustamente o no non tocca a me dirlo. La stagione non è annullata, rimane quello che è stato fatto fino a questo momento: prendiamo atto e andremo avanti con una responsabilità enorme di ricreare qualcosa di importante, un messaggio sociale importante. Bisogna pensare a questo, pur con difficoltà economiche: facciamo parte di tutto questo e ognuno di noi cercherà di ripartire partendo da quello che si è fatto quest’anno, perché quest’anno si è fatto tanto, non dimentichiamolo.”

Stagione che rimane comunque importante per il futuro: “La Virtus Segafredo ha fatto un lavoro positivo, abbiamo intrapreso una direzione chiara, tutti hanno visto quello che vogliamo fare. Abbiamo fatto una stagione molto positiva in Italia, primi dall’inizio e contavamo di andare fino in fondo, cercando sempre di giocare delle finali, giocare per i titoli e quest’anno andava in quella direzione. Una grande chimica con i giocatori, una grande squadre con un’impronta forte, una società decisa nell’intraprendere un cammino serio per obiettivi che, per una società come la Virtus, sono un dovere. Questo mi fa solo che piacere: c’è una grande società dietro, c’è un grande staff, c’è un grande patron come il dottor Zanetti che continua a credere in questo progetto. Dobbiamo essere grati a chi investe perché fanno tanto: noi dobbiamo ridare loro fiducia. Tutti i numeri del basket quest’anno, dal pubblico ai media, sono tutti segnali forti. Mi fa piacere far parte di tutto questo e finché sarò qui continuerò a seguire degli obiettivi molto chiari.”

Cosa rimane di questa stagione? “Mi sarebbe piaciuto tornare a giocare in città storiche come Varese, Milano, lo stesso derby in casa della Fortitudo. Queste sono emozioni che un professionista cerca sempre. Quello che mi rimarrà sicuramente saranno gli allenamenti: dal primo all’ultimo la risposta dei giocatori è stata super, vera. Hanno accettato il modo di allenarsi e questo sta succedendo anche adesso, nelle relazioni a distanza tramite whatsapp, messaggi, chiamate a tarda notte con tutti.”

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.