Donald Sterling nei guai: intercettato, viene accusato di razzismo

Home

Nemmeno il tempo di sorridere per il fattore campo recuperato e i Los Angeles Clippers sono stati investiti da un grosso polverone mediatico a causa del proprio, impopolare, proprietario Donald Sterling.

TMZ, noto portale del gossip statunitense, ha registrato una conversazione telefonica tra Sterling e la sua fidanzata, V. Stiviano, in cui il proprietario dei Clippers dice queste parole:

Puoi dormire con persone nere, puoi fare tutto ciò che vuoi ma non fare promozioni con loro e portarli alle partite. Sono stufo del tuo f*****o profilo Instagram pieno di foto con persone di colore. Non mettere Magic [Johnson, ndr] sul tuo Instagram, non fare foto con lui e non portarlo alle partite dei Clippers.

La foto incriminata ritrarrebbe proprio la fidanzata di Sterling con la leggenda dei Los Angeles Lakers, ma l’astio nei confronti di quest’ultimo va ben oltre la rivalità tra giallo-viola e Clippers. Sterling è stato accusato di razzismo e il web si è scatenato nei suoi confronti. La NBA, che può multare a propria discrezione i proprietari delle franchigie, ha fatto sapere che investigherà sulle dichiarazioni di Sterling e, se necessario, prenderà provvedimenti. Ovviamente la notizia lascia ancora più basiti vista l’origine messicana e la carnagione nera della ragazza, oltre che la presenza, nel roster dei Clippers, di parecchi giocatori di colore. DeAndre Jordan è stato fin qui l’unico giocatore della squadra a reagire, pubblicando su Instagram questa inequivocabile foto:

10168051_767021019995239_6481305650737749970_n

Ma anche il famoso rapper Snoop Dogg ha voluto intervenire sull’argomento, pubblicando, sempre su Instagram, il seguente video in cui insulta senza mezzi termini il proprietario dei Clippers:

Video che non ha bisogno di commenti o traduzioni. Infine anche su Twitter però i messaggi non si sono sprecati, questi sono i più emblematici:

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.