Donald Trump ha criticato Steve Kerr e Gregg Popovich riguardo le tensioni tra NBA e Cina

Home NBA News

Finora, nella questione tra NBA e Cina scoppiata nell’ultima settimana, la voce che era mancata era stata quella di Donald Trump, presidente degli USA che tra l’altro politicamente è sempre stato molto critico nei confronti del governo dello Stato asiatico. Trump ha rotto il silenzio parlando nelle scorse ore con i giornalisti della questione, diventata ormai un caso internazionale: il presidente ha però approfittato dell’occasione non per difendere gli interessi della Lega cestistica, bensì per attaccare l’atteggiamento di Steve Kerr e Gregg Popovich, che in passato sono stati due suoi fermi oppositori.

Kerr e Popovich, come molti altri, si erano pronunciati nelle scorse ore senza particolare fermezza sulla questione, ma difendendo la libertà di parola. Prima Trump ha in un certo senso preso in giro il coach dei Golden State Warriors, descrivendo così le sue risposte ai giornalisti: “Era come un ragazzino, era così spaventato… Stava tremando!”.

Poi ha aggiunto che Kerr e Popovich preferiscono parlare male degli Stati Uniti piuttosto che criticare l’operato cinese, sostanzialmente lavandosi le mani dell’intera situazione: “Devono sbrigarsela da soli. La NBA sa quello che sta facendo”.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.