Dopo Cremona-Sassari, le parole di Sacchetti ed Esposito

Home Serie A News

Meo Sacchetti (coach Cremona)

C’è molta soddisfazione per come i ragazzi hanno giocato, anche nel secondo quarto tirando 1/13 da tre. Abbiamo preso i rimbalzi, siamo energici, abbiamo avuto un blackout su un loro 0-6 ma quando ci sono con la testa i ragazzi dimostrano di avere l’atteggiamento giusto. Abbiamo sicuramente avuto un’ottima partita da Michele Ruzzier e Giulio Gazzotti con minuti importanti e Wes, silenzioso con 11 rimbalzi, dimostra di essere un giocatore totale. Anche Crawford è stato molto bravo.

Contro una squadra molto profonda siamo riusciti a giocare veramente bene, la prossima partita dimostrerà se l’aspetto mentale è davvero buono, la partita con Pistoia sarà il baluardo della nostra mentalità. Logico che quattro vittorie contro quattro squadre importanti sono ottime, una squadra dopo il secondo quarto in cui non fai mai canestro può disunirsi e invece noi siamo rimasti lì con la partita.

Abbiamo fatto bene l’aiuto e recupero e abbiamo cercato di togliere qualcosa a Sassari come le situazioni di canestro facili o tiri aperti. Un po’ pigri in post con il loro 4 in alcune situazioni ma per il resto abbiamo difeso bene.

Sono passati tre anni ma il ricordo di Sassari rimane sempre, anche se non è come la prima volta. Ma non sarà mai una partita normale.

Vincenzo Esposito (coach Sassari)

Oggi troppa poca intensità, troppa poca cattiveria, soprattutto nei momenti importanti. Non abbiamo giocato una brutta gara ma qualche errore difensivo nei momenti chiavi, abbiamo concesso il 60% da due punti che ha vanificato il loro 20% da tre. Fa parte del nostro processo di crescita, se vogliamo andare a vincere più spesso fuori casa dobbiamo giocare meglio e in maniera diversa. Le sconfitte ci devono servire per apprendere e crescita.

Difensivamente abbiamo spesso lasciato dei “lisci clamorosi”, per dirla calcisticamente. Quando invece abbiamo difeso bene abbiamo poi capitalizzato anche in attacco. Abbiamo mancato di energia nei cambi e nella comunicazione difensiva, perchè prendere canestri su tiri difficili nell’uno contro uno ci sta, prenderli su una difesa squadra mi piace meno.

Cremona è stata molto brava quando la partita era in parità a mettere la giusta aggressività, inoltre nei primi due quarti abbiamo concesso 11 rimbalzi d’attacco che hanno regalato 14 punti. Anche solo 2 falli commessi nell’ultimo quarto a 12 secondi dalla fine dimostrano un’altra volta la poca energia nostra.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.