Dopo Pesaro-Pistoia, Galli ed Esposito commetano il match

Serie A News

VUELLE PESARO: MASSIMO GALLI

È stato un ottimo approccio alla partita, abbiamo voluto e meritato di vincere. Non siamo più ultimi dopo mesi, ringrazio i miei giocatori, indomabili sino alla fine. Siamo stati molto bravi in difesa, limitando notevolmente gli avversari, a parte i primi due minuti del terzo quarto. Abbiamo lavorato bene su Moore e McGee, si è trattato di una vittoria di squadra e per la nostra gente, che ci ha sostenuto fino alla fine. Aver vinto stasera non sarà certo sufficiente, la strada è lunga e non ci entusiasmiamo, ma avere per una volta due punti di vantaggio sull’ultimo posto è tutta un’altra cosa. Braun ha confermato il suo alto livello, ha saputo fare il suo ingresso con molti fatti e pochi fronzoli. Voglio ricordare anche i giocatori italiani, importanti nei momenti clou della partita soprattutto in difesa. Perché il calo nel secondo tempo? A livello fisico soffriamo e paghiamo in certe situazioni di difesa aggressiva.

THE FLEXX PISTOIA: VINCENZO ESPOSITO

Ci aspettavamo una Pesaro molto aggressiva eppure, nonostante questo lo avessimo preventivato, loro sono stati molto più bravi di noi, almeno inizialmente. Cammin facendo, abbiamo messo a posto le cose e recuperato, poi purtroppo abbiamo pagato un finale con poca lucidità: abbiamo avuto almeno due tre possessi per andare a +8, lì purtroppo abbiamo fatto degli errori a livello di palle perse, che ci sono costati di fatto la partita. Nonostante questo abbiamo avuto il tiro per vincere allo scadere dei tempi regolamentari, poi nel supplementare abbiamo pagato un po’ di stanchezza che, visto i tanti problemi che abbiamo avuto nel corso della stagione, purtroppo ci sta. Complimenti a Pesaro, capace anche di trovare un paio di canestri molto complicati nel momento topico del match, ma devo dire che sono rammaricato per l’approccio assolutamente troppo soft da parte nostra e il poco cinismo nel momento in cui dovevamo chiudere la partita. D’altro canto dobbiamo essere onesti: ovviamente qualche punto in più avrebbe fatto piacere, ma considerando quel che ci è capitato in tutta la stagione, dobbiamo accontentarci. Nell’intervallo ho detto di fare quel che avevamo preparato: grande intensità difensiva e in attacco riuscire a muovere di più e meglio il pallone. Fatto questo, siamo stati bravi a rientrare in partita e a portarci avanti: purtroppo poi abbiamo pagato questo sforzo nelle fasi finali della partita, quando potevamo vincere la gara e invece non ne siamo stati capaci. C’è poco da piangerci addosso, però: dobbiamo guardare avanti e pensare già alla prossima partita con Sassari, perché il nostro obiettivo adesso deve essere quello di fare più punti possibili da qui alla fine del campionato.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.