Dopo Virtus-Milano: le parole di Sacripanti e Pianigiani

Home Serie A News

Milano ha espugnato non senza soffrire il parquet della Virtus, portando a casa la seconda vittoria in campionato grazie al 79-88 finale.

Ecco le parole dei due allenatori intervenuti in conferenza stampa al termine del match.

Pino Sacripanti – Coach Virtus Segafredo Bologna

Abbiamo giocato contro i migliori, hanno vinto i migliori. Faccio i complimenti a Milano perché sono stati bravissimi. Se devo fare un appunto alla mia squadra è giocare anche l’ultimo minuto come se non fosse già persa. Abbiamo fatto la partita. L’abbiamo fatto con ardore. Sul +6 abbiamo preso due bombe con ottime difese. Mi tolgo il cappello che non ho di fronte a James che è stato devastante, disarmante su tutti i fronti, con una naturalezza pazzesca. Bravissimo lui, ma noi anche quando siamo andati sotto abbiamo saputo rialzarci. Penso che la nostra difesa sia stata quasi sempre buona, e allora meriti a James e a Milano. Il livello era veramente alto e quando è così possono bastare due episodi per girare il risultato. Penso che abbiamo perso la partita con la nostra migliore prestazione di squadra dalla preseason. Abbiamo perso e non mi piace non aver regalato due punti al nostro pubblico ma stiamo facendo una buona progressione credo, ho visto cose positive in campo. Per vincere avevamo bisogno anche della complicità di Milano, e non c’è stata. Vedremo se noi saremo altrettanto bravi nel migliorarci ancora. Stasera non è facile anche per i ragazzi, ha dato grande adrenalina a tutti, ma dobbiamo essere bravi a resettare tutto perché abbiamo solo un giorno prima di incontrare Ostenda in un match davvero importante per il cammino in coppa. La mentalità della squadra, a parte l’ultimo minuto, penso sia stata sempre quella giusta, anche se abbiamo fatto qualche svista di troppo forse anche per merito dei nostri avversari. La mia idea che vorrei trasferire alla squadra è quella di coinvolgere tutti, creare giochi in cui ognuno dei giocatori possa essere al centro. L’idea è proprio quella di non ruotare sempre solo intorno a un singolo. Stasera non abbiamo buttato via troppi palloni; stiamo imparando a non fare entrare i singoli con prepotenza in partita ad ogni costo, come magari è successo con i primi tiri di Punter che avrebbe voluto da subito prenderla in mano. Dobbiamo lasciare che sia la partita a venire a noi e stiamo migliorando in questo.

Simone Pianigiani – Coach Olimpia Milano

Credo che abbiamo fatto una partita solida, molto seria, ed era esattamente quello che cercavamo. Abbiamo cambiato la trazione quest’anno con le due guardie e avevamo necessità di ruotare tutti in campo vista la settimana che ci attende. I ragazzi sapevano che nessuno avrebbe fatto 30 minuti. Inizialmente abbiamo perso un po’ troppi palloni, poi all’intervallo, anche se eravamo sempre rimasti a contatto, abbiamo aggiustato anche le palle perse. Abbiamo mescolato tanti quintetti e nel secondo tempo abbiamo deciso noi il ritmo, senza farci “prendere” da quello degli altri. Stasera l’ambiente che spingeva la Virtus era molto bello, non era facile e si poteva perdere quindi sono contento della partita solida che abbiamo fatto. La scorsa stagione sapevamo che la priorità era il campionato. Quest’anno la squadra è più corta, ma i giocatori più intercambiabili, e la squadra ha già la consapevolezza di doversi far trovare pronta ai playoff. Siamo stati bravi, nonostante tutto, nello spendere le energie nel modo giusto, soprattutto quelle nervose anche in vista dell’incontro con il Real Madrid. Siamo stati sotto controllo e questo dimostra consapevolezza sul progetto al secondo anno. Adesso entriamo nel tritacarne che ci attende.

 

Interviste raccolte da Valentina Calzoni per BolognaBasket.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.