Esclusiva BU – Luca Montanari: “La promozione sarebbe un sogno, a Mantova lo sperano”

Esclusive Home Serie A2 News

 

Basketuniverso ha il piacere di intervistare Luca Montanari, team manager della Pallacanestro Mantovana.

stings.it

 

Come sei diventato Team manager della “Pallacanestro Mantovana”?

Partiamo da lontanissimo, ho sempre giocato a basket a Mantova, questo sport è sempre stato la mia passione e, da 3 anni a questa parte, collaboro con la Pallacanestro Mantovana. Prima facevo le statistiche ufficiali della lega, in seguito ho affiancato l’allora GM di Mantova, Santoro (ora a Brescia), poi ho dato un aiuto per la realizzazione dell’All Star Game che si è tenuto qui. Quest’anno mi è stato offerto l’incarico di Team Manager ed io, amante di questo sport, ho accettato con entusiasmo.

In cosa consiste il tuo lavoro?

Il mio lavoro consiste nel gestire al meglio tutte le esigenze che hanno i ragazzi: dal punto di vista delle trasferte, maglie, comodità. I giocatori devono arrivare alla partita perfetti e pronti per giocare. Inoltre gestisco un poco la parte relativa al marketing e alle statistiche. Il team manager, a Mantova, ricopre vari ruoli.

Vorresti continuare in futuro la carriera manageriale oppure hai altri programmi?

Sarebbe molto bello. E’ sempre un sogno rimanere nel settore. Da giocatore sono passato a fare l’allenatore, poi il preparatore atletico. Da Team Manager il mio sogno è passare a fare il direttore sportivo e poi l’allenatore, poiché purtroppo non ho più l’età per fare il giocatore.

Qual è il giocatore della tua squadra che più ti ha impressionato?

I ragazzi di quest’anno sono incredibili. Li ho visti giocare nelle altre squadre. Ndoja mi piace tantissimo. Per me è super, è il capitano. Lo andavo a veder giocare a Casalpusterlengo. Lui è del 1985. Mi ha impressionato molto il suo carattere da guerriero e ciò che riesce a fare in campo.

Come avete fatto a trovare i giocatori americani Bryan Davis e Justin Hurtt?

E’ stato un lavoro certosino. Da parte dei procuratori arrivano sempre molte proposte. Il coach segue puntualmente alcuni giocatori anche in video e pian piano siamo riusciti ad individuare gli atleti adatti al nostro gioco.

Chi saranno i leader della squadra?

I leader della squadra saranno Ndoja, Moraschini e Di Bella.

Qual è l’obiettivo per la stagione 2015/2016?

La squadra punta in alto. Il roster è impegnativo, come minimo puntiamo a centrare un piazzamento nei playoff.

Pensi che a Mantova si possa parlare anche di promozione?

Questo è il nostro sogno. A Mantova lo sperano, ma credo che l’importante sia ben figurare ai playoff.

Sei soddisfatto della squadra costruita?

Sono molto soddisfatto. C’è il classico mix formato da giocatori giovani e atleti più esperti. Tutti i ragazzi giovani si mettono a disposizione della squadra per lavorare al meglio. Sarà dura, Io capisco io che sono un rookie e mi faccio quasi insegnare da loro cosa c’è bisogno di fare.

 

Si ringrazia Luca Montanari per la disponibilità dimostrata.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.