Torino non entra mai in campo, il Cedevita domina al Ruffini

Coppe Europee Eurocup Home

Fiat Torino – Cedevita Zagabria 65-87

(12-30, 19-23, 14-20, 20-14)

 

Nonostante le buone prestazioni in campionato, la Fiat Torino non riesce più a rialzare la testa in Eurocup. Dopo le sconfitte con Darussafaka e Kazan, la squadra piemontese va nuovamente KO. Il Cedevita domina al PalaRuffini fin dai primi minuti del match, con l’Auxilium che non riesce ad entrare in partita e subisce costantemente i colpi degli avversari. Grandissima serata per Murphy che chiude con 24 punti, frutto di un 4/4 da due e un 5/7 da tre.

Torino parte subito molto bene con un’azione di alta qualità che porta Mbakwe alla schiacciata. Kruslin non si fa attendere e rimette il punteggio in parità prima di dar vita, insieme a Stipanovic, ad un parziale che porta gli ospiti in vantaggio 4-11 e costringe Banchi al time out. Dopo un’apparente reazione, la difesa gialloblu continua a non essere abbastanza attenta e il Cedevita ne approfitta, incrementando sempre di più la distanza grazie a Murphy. La Fiat non riesce a sbloccarsi in attacco e continua a sbagliare molto, consentendo agli ospiti di raggiungere il 30-10. Sul finale di primo quarto, Iannuzzi accorcia e firma il 12-30.
L’ingresso del “secondo quintetto” aumenta l’intensità della difesa casalinga e sembra rappresentare la svolta, ma le percentuali degli ospiti non ne risentono e Murphy, Johnson e Nichols infilano le triple del 21-44. Capitan Poeta prende il comando della Fiat e segna 10 punti che permettono ai padroni di casa di non affondare ancora di più. Ciononostante, è ancora Murphy, aiutato da Cherry, a punire i ragazzi di Banchi, che all’intervallo sono sotto di 22, 31-53. Il Cedevita mette in mostra tutte le sue capacità balistiche con un 75% da due punti e un 8/11 da tre, a fronte del 2/10 torinese. Imponente anche il confronto di rimbalzi e assist: rispettivamente 5 e 4 per Torino, 15 e 11 per Zagabria.
Al rientro in campo dopo la pausa lunga la musica non cambia. Il Cedevita continua a girare come un ingranaggio perfetto, complice anche la passività di Torino che non riesce ad entrare in partita. Murphy e Cherry segnano a ripetizione e i punti di riferimento gialloblu faticano a trovare continuità nelle giocate. Il parziale del quarto, di 14-20, incrementa ancor di più il gap sul tabellone, che al trentesimo segna 45-73.
Nell’ultima frazione gli ospiti si limitano a controllare il vantaggio e allungano le rotazioni, dando spazio a tutti i componenti del roster. Gli ultimi guizzi torinesi sono di Washington e Poeta, ma ormai le forze per provare a riaprire il match sono esaurite. Alla sirena finale il tabellone recita 65-87.

 

TABELLINI

Fiat Torino: Garrett 6, Parente NE, Stephens NE, Vujacic 4, Poeta 14, Patterson 14, Washington 10, Okeke, Jones 5, Mazzola 2, Mbakwe 4, Iannuzzi 6. All. Luca Banchi

Cedevita Zagabria: Ukic 5, Kruslin 12, Johnson 5, Katic, Nichols 4, Slavica 2, Zganec, Musa 3, Cherry 15, Ramljack 6, Stipanovic 13, Murphy 24.

 

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.