Venezia rischia, ma stende lo Charleroi dei fratelli Baron

Coppe Europee Eurocup Home

Reyer Venezia-Spirou Charleroi 73-69

Che sofferenza per i lagunari! Dopo un avvio shock, gli orogranata si sono ricomposti, volando sul +8 nel terzo periodo, ipotecando la partita a metà quarto quarto, ma uno strepitoso Billy Baron ha zittito il Taliercio, sfiora do una clamorosa rimonta nell’ultimo minuto. Green e i tiri liberi salvano Venezia negli ultimi secondi, conquistando la seconda vittoria in tre partite di Eurocup.

veneziaPalla a due e gli ospiti si accendono subito con due triple dei fratelli Baron, volando sul 2-10 dopo 180 secondi. Viggiano, con due bombe, riapre i conti e Ben Ortner firma il -2 a metà quarto (10-12). Un canestro di Bramos completa l’8-0 di parziale della Reyer Venezia, mentre uno scatenato Viggiano firma la sua terza bomba in pochi minuti ed è sorpasso orogranata (15-14). Negli ultimi minuti del primo quarto, i belgi rispondono con la coppia Baron, ma di fronte a loro c’è un Viggiano in missione: quarta tripla e Venezia conduce 18-17 nell’ultimo minuto. I padroni di casa subiscono il canestro sulla sirena e lo Spirou chiude il periodo con lo score di 18-21. Nel secondo periodo, Lambot inaugura con una tripla, portando Charleroi sul +6 (18-24), Jarrius Jackson ripaga con la stessa moneta, per dimezzare il gap. A metà quarto, Venezia fatica a stare al passo con i belgi, tornando al -6 (22-28), con il solo Jackson a referto in questo frangente di partita. Tre tiri liberi realizzati da Lambot, permettono agli ospiti di allargare la forbice, volando sul +8 (23-31). Ben Ortner riesce a tamponare l’emorragia con quattro punti filati (27-31), riaprendo i giochi a tre minuti dall’intervallo. Il pivot austriaco si è caricato la squadra sulle spalle, mettendo a segno altri due punti, questa volta dalla lunetta, Venezia resta a contatto. Goss firma il 33 pari nell’ultimo minuto, ma l’ex compagno di squadra a Roma, Jimmy Baron, realizza due punti a otto secondi. All’intervallo, lo score recita 31-33 a favore dello Charleroi.
Di ritorno dagli spogliatoi, Venezia entra in campo con il piglio giusto: parziale di 8-4 e mette la freccia. (39-37). Bramos e Viggiano controllano con le triple, Jimmy Baron replica, ma sono i lagunari a condurre con lo score di 46-43 a tre minuti dalla terza sirena. La Reyer fa prove di fuga: nell’ultimo minuto, 5-0 di parziale, con la firma di Bramos, volando sul +8 (51-43) sulla sirena del terzo quarto. In apertura dell’ultimo periodo, i quintetti si danno battaglia a suoortner venezian di canestri, ma dopo tre minuti, il distacco resta sempre invariato (59-51). Ortner tiene i suoi a distanza di sicurezza a suon di punti e rimbalzi, ma Billy Baron spaventa il Taliercio con il canestro del -3 (62-59) a due giri di lancetta dalla fine. Sale sulla cattedra Billy Baron, Reyer in panico (65-64) a meno di un minuti dalla fine, Mike Green ridà linfa e ossigeno a Venezia con una tripla (68-64), ma non ha fatto i conti con il solito Billy, che risponde con la stessa moneta a dieci secondi dalla fine (68-67). L’infinita girandola ai tiri liberi consegna la vittoria alla Reyer Venezia, che si aggiudica l’importante scontro con il punteggio di 73-69.

 

VENEZIA: Goss 5, Bramos 13, Tonut 3, Jackson 4, Green 11, Ruzzier 3, Owens 4, Ress 1, Ortner 14, Viggiano 15

RIMBALZI: 40 (Ortner 9); ASSIST: 15 (Goss, Green 5); T2 11/27, T3 11/28, TL 18/25

CHARLEROI: Hamilton 2, Lambot 6, Gaudox 1, Billy Baron 23, Heath, Massot, Pumprla 7, Jimmy Baron 17, Fusek 2, Boxley 4,  Schwartz, Tumba 7

RIMBALZI: 37 (Tumba 13); ASSIST: 15 (Billy Baron 4); T2 17/44, T3 7/15, TL 14/22

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.