Eurolega: facili vittorie per Vitoria, Oly e Barcellona: Milano è matematicamente seconda

Home

eurolega1Anadolu Efes Istanbul-Laboral Kutxa Vitoria 79-105

Dura solo 10′ la gara tra Efes e Vitoria. I ragazzi di coach Scariolo dopo un primo quarto sostanzialmente equilibrato, in cui si sono registrate altissime percentuali al tiro e terminato 26-31 per i baschi, prendono il largo già a partire dal secondo periodo. Dopo la tripla di Planinic che regala all’Efes il -3 (36-39), il Vitoria trascinato da Nocioni vola sul +14 (41-55). Un tiro libero di Gonlum chiude il primo tempo sul 42-55. Planinic riporta i turchi sul -9, ma  Heurtel e Causeur fanno +15 (56-71). Al 30′ i baschi sono avanti 59-73. L’ultimo quarto di gioco è tutto di marca basca. Prima Causeur regala agli ospiti il +17 (59-76), poi il solito Nocioni e Heurtel aumentano il distacco tra le due compagini fino al +25 (71-96). Negli ultimi minuti di gioco i baschi non sembrano ancora sazi e arrivano fino al +29, per poi chiudere il match sul 79-105 finale.

Anadolu Efes Istanbul: Gonlum 13, Planinic 12, Savanovic e Kilicli 11
Rimbalzi: 24 (Gonlum 6)
Assist: 19 (Gordon 9)

TL: 9/17; T2: 23/44; T3: 8/19

Laboral Kutxa Vitoria: Pleiss 20, San Emeterio 16, Nocioni e Causeur 13
Rimbalzi: 41 (Pleiss 7)
Assist: 19 (Heurtel 5)

TL: 15/23; T2: 33/51; T3: 8/15

Unicaja Malaga-Olympiakos 63-80

Nello scontro diretto per il quarto posto l’Olympiakos annienta in trasferta il Malaga per 63-80 e portandosi momentaneamente al quarto posto solitario in classifica in attesa del match tra Fenerbahce e Milano. Con la vittoria degli spagnoli i ragazzi di coach Banchi ottengono la matematica certezza dei quarti di finale, traguardo raggiunto dopo 17 anni.
Inizio esaltante per i greci che in un batter d’occhio si portano subito sul 2-12, grazie a 6 punti dell’ex Cantù e Saragozza Shermadini. L’Olympiakos vola sul 5-20, ma negli ultimi minuti del quarto gli spagnoli tentano una timida rimonta e chiudono il periodo sul 18-28. Carlos Suarez e Stimac regalano al Malaga il -5 che riapre un match che sembrava chiuso già dal 3′. L’Olympiakos reagisce, ma il Malaga riescono a tenere il passo e il primo tempo finisce con i greci avanti 34-41. Nel terzo periodo sono ancora gli ospiti a prendere in mano le redini della partita trascinati da un super Spanoulis e ad andare a condurre nuovamente sul +15 (43-58). Il Malaga stavolta accusa il colpo e non riesce a rientrare in partita. Al 30′ l’Oly è avanti 50-63. L’ultimo quarto è una mera formalità e i greci vincono per 63-80.

Unicaja Malaga: Urtasun 13, Dragic e Stimac 10
Rimbalzi: 31 (Vazquez e Suarez 5)
Assist: 10 (Calloway 4)

TL: 15/18; T2: 15/34; T3: 6/22

Olympiakos: Spanoulis 20, Lojeski 18, Petway 9
Rimbalzi: 29 (Petway 7)
Assist: 22 (Mantzaris 9)

TL:11/15; T2: 21/29; T3: 9/24

FC Barcelona-Panathinaikos 84-62
Dodicesima vittoria per il Barcellona che, dopo il buzzer beater subito da Llull nella finale di Coppa del Rey, ha inanellato una serie di 12 vittorie consecutive tra campionato e coppa. La vittima sacrificale dei blaugrana stavolta sono stati  i greci del Panathinaikos, che sono stati sconfitti per 84-62. Il primo quarto è equilibratissimo con Tomic e Ukic sugli scudi. Al 10′ il Pana è avanti 14-15. Nella prima metà del secondo quarto continua a esserci l’equilibrio più assoluto, ma il Barça decide di mettere la quarta e vola sul +9, trascinata da uno scatenato Pullen. Il Pana non riesce a rientrare in partita e il primo tempo finisce 42-32. Nel terzo periodo la musica non cambia e sono sempre gli spagnoli ad avere in mano le redini della partita, toccando a più riprese il +16, nonostante i timidissimi tentativi di rimonta della compagine greca. Al 30′ gli spagnoli sono in assoluto controllo del match (64-46). Anche per quanto riguarda questo match il quarto periodo è solo pura formalità e il Barcellona amministra il vantaggio senza nessuna difficoltà. Barcellona batte Pana 84-62.

FC Barcelona: Abrines e Lorbek 15, Tomic 11, Pullen 8
Rimbalzi:  43 (Tomic 9)
Assist: 19 (Sada 5)
TL: 8/15; T2: 23/40; T3: 10/31

Panathinaikos: Ukic 13, Diamantidis 11, Gist e Lasme 9
Rimbalzi: 32 (Maciulis 32)
Assist: 9 (Diamantidis 4)
TL: 8/10; T2: 18/41; T3: 6/18
[banner network=”altervista” size=”300X250″]

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.