Eurolega, Gruppo A: Il Fener blocca i russi solo nel finale; Datome top scorer

Coppe Europee Eurolega Home

FENERBAHCE ISTANBUL – KHIMKI MOSCOW REGION 88-83

(Parziali: 23-21; 26-20; 15-18; 24-24)

Partitissima tra la formazione turca e i russi del Khimki, risolta solamente nei secondi finali. Brillano Shved e Datome, miglior marcatore dell’intero match.

Mani fredde e partita un poco nervosa, il tabellino viene sporcato dopo più di un minuto e mezzo da Rice, che da l via ad un break di 0-9 in favore dei russi. Il Fener si rifà sotto con i punti di Udoh e il “turco” Bobby Dixon, ma è Datome a firmare il -1 (10-11 al 5’). Da qui i canestri si fanno via via più rapidi, con il Khimki che mantiene un vantaggio, seppur ridotto. Ancora il capitano azzurro pareggia a quota 19, gli ospiti rispondono ma il canestro del sorpasso lo insacca Antic (23-21 al 10’).

Datome e Antic a rimbalzo
Datome e Antic a rimbalzo

Dragic porta i suoi sul 25-26, ma l’undicesimo punto dell’ex Boston con il numero 70 e Vesely chiudono un mini parziale di 5-0 in favore dei turchi (30-26 al 13’). Davis e Shved non ci stanno, recuperano fino al 34 pari e da qui entrambe le formazioni si scambiano canestri con abbastanza rapida successione. Al 16’, sul 38-38, il Fenerbahce colleziona un 7-2, i russi provano a tenere il ritmo ma solo Augustine segna l’unico punto in poco meno di quattro minuti e si va all’intervallo lungo sul 49-41 in favore dei padroni di casa.

I giochi riprendono e le polveri sembrano ancora un poco umide: il primo canestro viene segnato all’8’ del terzo periodo, sempre da Datome. Honeycutt, Augustine e Vyaltsev provano a rifarsi sotto, ma è ancora il capitano azzurro a tenerli a bada (54-46 al 24’). I russi tornano a -3, poi non si segna per due minuti buoni, quando Dixon ripristina il +5. Shved mette dalla lunetta il nuovo -3, Obradović chiama minuto e Bogdanovic risponde (59-53 al 28’). Gli ospiti restano però in scia e al 30’ sono solo 5 i punti che separano le due formazioni (64-59).

Dragic e Monia portano la loro squadra ad un solo possesso di distacco, ma il Fener prova a tenerli a bada con un mini-break di 4-0 targato Vesely-Sloukas (68-63 al 34’). Questa volta è un 2-5 a riportare Mosca a contatto, Shved firma il -2 (72-70 al 36’), ma Sloukas e Vesely, ancora loro, però, rispondono per le rime, ridando un vantaggio ai turchi (79-72 al 38’).

Dragic, Koponen e Shved non ci stanno, insieme siglano il -1, tutto dalla lunetta, ma Kalinic da interrompe il break russo (81-78 al 39’). Il gioco del fallo sistematico però è in favore dei russi, che, pur sbagliando, catturano un rimbalzo che permette a Dragic, a -17”, di trovare la tripla del pari 81. Sloukas segna i liberi guadagnati dopo il fallo, Datome lo imita, Bogdanovic sigla il +5 (86-81), ma Shved trova un canestro dalla media a 6” dalla sirena. La strategia dei liberi però premia i padroni di casa: Bogdanovic non trema, segna il suo ottavo e nono punto, mettendo in cassaforte la vittoria (88-83 al 40’).

FENERBAHCE ISTANBUL: Udoh 9, Bogdanovic 9, Sloukas 14, Vesely 15, Kalinic 6, Dixon 16, Datome 19.

KHIMKI MOSCOW REGION: Rice 11, Shved 19, Dragic 13, Augustine 5, Koponen 6, Vyaltsev 3, Monia 4, Todorovic 2, Honeycutt 5, Davis 15.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.