Eurolega, gruppo A, day 5: rispettati tutti i pronostici

Home

624233525

Fenerbahce Ulker Istanbul – JSF Nanterre 83-66

Prosegue senza intoppi la marcia del Fenerbahce, che guarda la classifica del gruppo A dall’alto delle sue 5 vittorie in altrettante gare. Per la truppa di Obradovich si dimostra fondamentale il secondo quarto, nel quale stacca i campioni uscenti francesi dopo qualche minuto in cui le squadre non segnano. Autore dello strappo Nemanja Bjelica, autore di 7 dei suoi 15 punti proprio in questo periodo. Nel terzo quarto il Nanterre prova a rientrare, ma nell’ultimo i giallo neri confermano la loro superiorità grazie ad un Bogdanovic stratosferico. Per i turchi grande prova corale, con l’attacco saldamente affidato alla mano di McCalebb, con Preldzic, Bogdanovic e Bjelica che segnano 51 punti in tre. Ai ragazzi di Donnadieu non basta la prova magistrale di Ali Traore, che chiuderà come top scorer dell’incontro con 20 punti. Per i francesi la qualificazione rimane ancora alla portata, dato che Kiev e Partizan rimangono non approfittano del passo falso.

Fenerbahce Ulker Istanbul: McCalebb 10; Bjelica 15; Mahmutoglu 5; Kleiza 9; Vidmar 4; Zoric 4; Sipahi; Birsen; Bogdanovic 20; Preldzic 16.

JSF Nanterre: Nzeulie; Judith 2; Jaiteh 4; Lighty 4; Meacham 3; Glafyr 10; Foster 6; Thomas 4; Traore 20; Daniels 13; Passave.

Budivelnik Kiev – FC Barcelona 74-84

tomic

Il Barcellona vince nel finale e si porta al secondo posto nel girone. Tuttavia la trasferta a Kiev non è stata delle più semplici, con la squadra di casa che dimostra che Kiev  forse non ha raccolto tutto il seminato in questa stagione di Eurolega. Infatti i padroni di casa partono molto forti e nel primo tempo riescono a tenere testa alla corazzata catalana, con l’attacco affidato a Lavrinovic, in stato di grazia (chiuderà con 21 punti e 7 rimbalzi). La partita si spacca in un terzo quarto in cui l’attacco ucraino produce solo 8 punti, con Barcellona che scappa riuscendo a portarsi sul +6. Le velleità di rimonta da parte del Kiev vengono spente dall’ottima prova corale di Barcellona, che concluderà la partita con un rassicurante vantaggio di 10 punti. Per gli spagnoli spicca la prova di squadra guidata da Tomic, fondamentale nel I quarto quando uomini come Navarro (15) e Dorsey (16) dovevano ancora entrare in partita. Per il Kiev ora la situazione è complicata: fondamentale sarà la gara di dicembre contro Nanterre.

Budivelnik Kiev: Ahearn 14; Lavrinovic 21; Salenga 10; Gorbenko 2; Strelnieks 2; Anisimov 2; Downs 7; Minard 2; Summers 14.

FC Barcelona: Dorsey 16; Sada 2; Huertas 4; Abrines 2; Navarro 15; Papanikolau 4; Hezonja; Lampe 12; Nachbar 11; Tomic 18.

CSKA Mosca – Partizan NIS Belgrade 88-46

Grande prestazione per Mosca che schianta il Partizan in casa e fa un passo significativo verso la qualificazione. La partita è senza storia come testimonia il parziale di metà gara: 42 a 18 per i padroni di casa. Negli altri due periodi i padroni di casa non solo amministrano, ma riescono ad aumentare il vanataggio, chiudendo la partita sul + 42. Il Cska stupisce soprattutto per percentuali al tiro: escluso Weems (18 punti) nessun giocatore scende sotto il 50% al tiro. Nella disastrosa prova del Partizan l’unico in doppia cifra è Bogdanovic, con 13 punti. Per il Partizan la corsa alle Top 16 si fa complicata: al di là del punteggio, è mancata la prestazione e i Serbi sembrano quelli con le idee più confuse in un girone che non perdona.

CSKA Mosca: Teodosic; Micov 15; Fridzon 16; Jackson 8; Pargo 5; Weems 18; Voronov; Vorontsevich 4; Shukhovtokov; Kaun 6; Khryapa 9; Hines 7.

Partizan NIS Belgrade: Lauvergne 9; Westermann 4; Dallo 4; Milutinov 5; Milosavljevic 7; Bogdanovic 13; Gagic; Salic; Andric; Bezbradica 4.

[banner network=”altervista” size=”300X250″ align=”aligncenter”]
 

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.