EUROLEGA, TOP16 – GIRONE E, DAY 4: Un fortunoso tiro di Planinic nega l’impresa all’EA7

Home

ANADOLU EFES ISTANBUL – EA7 OLIMPIA MILANO 61-60

(14-17; 30-34; 43-45)

Nuova settimana e nuova partita di Eurolega per l’EA7 Milano. Dopo le vittorie contro l’Oly e gli spagnoli del Vitoria, i milanesi si recano in terra straniera contro una delle squadre più ostiche, che già nella fase a girone l’aveva battuta in Turchia, ovvero l’Efes Istanbul. Nemmeno questa volta però i ragazzi di coach Banchi riescono nell’impresa di espugnare il Sinan Erdem Dome, anche se la partita rimane combattuta fino alla fine, con l’Olimpia che vince entrambi i primi quarti ed è battuta solo tra un boozer beater finale segnato da Planicic da oltre metà campo. Si segnalano per i turchi la prestazione di Savanovic (13pti), mentre gli ospiti hanno tanto dal solito Langford, che chiude con 18.

Match iniziato e l’Efes cattura tre rimbalzi d’attacco sul primo possesso e quando lo specialista Vasileiadis segna da tre va avanti 9-6. L’Olimpia risponde con un parziale di 5-0, inizato da Langford e chiuso da una tripla di capitan Gentile. Qualche errore al tiro, e qualcuno di troppo dalla lunetta, tengono a galla i turchi (14-17 al 10’). Il secondo quarto comincia con il dominio delle difese sugli attacchi, solo Jerrells da tre firma il +6 Olimpia. Una seconda sfuriata del numero 55 milanese, 8 punti consecutivi, produce il massimo vantaggio sul 15-25, ma sono le palle perse che permettono all’Efes di rientrare: Vasileiadis segna da tre e completa un 7-0 che porta il punteggio sul 22-25 al 15’. L’EA7 risponde con Moss e Hackett e torna avanti di otto, prima che due liberi di Batuk e un jump corto di Bjelica dall’angolo sulla sirena chiudano il primo tempo sul 30-34 a favore sempre degli ospiti.

Si riprende dopo l’intervallo lungo e nuovamente è la difesa che controlla la parte iniziale del terzo periodo. Il vantaggio è 34-41 al 25’: qui Savanovic si mette al lavoro, Planinic segna il primo canestro da tre e riduce il vantaggio a due punti (43-45 al 30’). Gentile e compagni faticano ad attaccare e l’Efes allunga a inizio del quarto quarto, prima con Savanovic, seguito da Bjelica e poi da Batuk. La risposta di Langford non tarda ad arrivare, prima da tre e poi nell’uno-contro-uno, ma i suoi compagni sembrano non averne più e il tiro diventa pesante. Fortunatamente per l’EA7 la difesa continua a tenere, forza un’infrazione di 24 secondi, recupera un pallone e CJ Wallace segna due volte dalla linea, seguito da Hackett (56-58 al 38’). Vasileiadis tenta di vincerla da solo, sbaglia ma Gonlum con un rimbalzo d’attacco corretto a canestro impatta a pochi secondi dalla sirena. Gli errori dalla lunetta penalizzano l’Olimpia, che non concretizza con Hackett e Langford (58-59 al 39’). Sul +2 milanese però sembra finita, fino a quando un disperato Planinic tira da tre quarti di campo, siglando incredibilmente la vittoria dei suoi.

Efes: D. Savanovic 13, M. Bjelica 9, D. Balbay, K. Vasileiadis e Z. Planinic 8. Rim (40): K. Gonlum 14. Ass (14): J. Gordon 5.
Milano: K. Langford 18, S. Samuels e C. Jerrells 8. Rim (34): N. Melli 6. Ass (9): D. Hackett, K. Langford e D. Moss 2.

 

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.