Europeo U20: L’Italia sbaglia troppo, il Belgio grazie soprattutto ai rimbalzi offensivi vince e inguaia gli azzurri

Nazionali

ITALIA – BELGIO 60-66

(19-21; 18-11; 12-17; 11-17)

Terzo appuntamento per la nazionale U20 all’Europeo di Lignano Sabbiadoro, e già si tratta di un mezzo spareggio, vista la sconfitta rimediata ieri sera dai ragazzi di Coach Sacripanti contro la Bosnia. L’avversario è il Belgio, che finora ha ottenuto una vittoria proprio contro la Bosnia nella gara d’esordio, vincendo 59-51.

L’inizio è tutto targato Fontecchio, che apre il match con una tripla e un grande assist. Ma l’Italia ha problemi di falli con Benetti a quota 3 e Vencato a quota 2, e il Belgio grazie a Lecomte e Kesteloot si porta sull’11-7. Zilli e Cappelletti dalla panchina portano una ventata di energia e aggressività, e 6 punti del lungo azzurro permettono di impattare a quota 15. Lecomte è però un fattore dominante (11 nel solo primo periodo), ma l’Italia trova un super Zilli che le permette di chiudere sotto 19-21 il primo quarto.

Akele da il primo vantaggio agli azzurri sul 23-21, ma qui si riattiva Lecomte. 7-0 di parziale propiziato tutto da lui e punteggio che sale sul 28-23 Belgio, obbligando Sacripanti a chiamare minuto. Lecomte commette il secondo fallo, e l’Italia ha una reazione grazie a Flaccadori che entra finalmente nel match, siglando il meno 3. Il Belgio non segna più, grazie anche a una maggiore intensità difensiva degli azzurrini, Laquintana dalla lunetta riporta avanti l’Italia 33-32 e stavolta sono i belgi a fermare il gioco. Fontecchio inchioda a due mani, la difesa costringe il Belgio a un’infrazione di 24″, e Laquintana sulla sirena in velocità infila il + 5 con cui si va all’intervallo, con l’Italia che ha un parziale aperto di 12-0.

L’Italia segna solo 2 punti nei primi 5 minuti, e il Belgio ritrova il vantaggio grazie a una schiacciata clamorosa di Van Viliet per il +1. Gli azzurri sono totalmente bloccati in attacco, Kesteloot infila la bomba del 45-41 e Sacripanti chiama minuto. 5 punti di Flaccadori e Fontecchio riportano gli azzurri a meno 1, e un canestro ancora di Fontecchio (tiro da 3 che balla sul ferro più volte che non viene toccato da nessuno, ma dato inspiegabilmente da 2) permette di chiudere il periodo sul 49 pari.

Primi 3 minuti che vedono un solo canestro per entrambe le compagini, prima di un grande scambio di triple tra Bako e Vencato per il 56 pari. Blackout offensivo prolungato per gli azzurri, frutto di scelte azzardate da parte di Laquintana e una buona dose di sfortuna su un paio di tiri di Akele. Il Belgio sbaglia liberi in continuazione, ma in attacco è sempre buio pesto per l’Italia, fin quando Lecomte infila il lay-up pazzesco per il +4 belga. Laquintana risponde per il meno 2, Lecomte commette infrazione di 24″ grazie a un’ottima difesa di Fontecchio. Sul ribaltamento Laquintana prova l’entrata ma perde palla. Kesteloot corregge con un tap-in, firmando il 62-58, Flaccadori sbaglia la tripla per riaprire la gara. Sull’ultima possibilità per l’Italia, viene fischiato un dubbio antisportivo a Laquintana, che di fatto chiude i giochi. Il Belgio vince per 66-60.

ITALIA: Cappelletti 4, Lupusor ne, Laquintana 14, Spatti 1, Spissu ne, Vencato 9, Flaccadori 6, Fontecchio 10, Akele 2, Benetti 0, Zilli 10, Vedovato 4.

BELGIO: Akyazili 3, Hemeleers 3, Lecomte 19, Peeters 1, Boxus 3, Vanwjin 6, Van Vilet 9, Kesteloot 15, Bako 4, Kohajda 3.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.