Eurotalents: Sekou Doumbouya, l’enfant prodige che ha conquistato la Francia

Eurotalents Home Rubriche

Come per la rubrica sui giovani italiani, anche quest’anno riprendiamo l’analisi sui giovani talenti di pallacanestro europei e, anche in questo caso, andiamo a focalizzarci sul nuovo millennio: sul panorama europeo sicuramente ci sono tanti prospetti da analizzare, ma la nostra attenzione si è focalizzata su uno in particolare; un giocatore che ad appena 15 anni è risultato decisivo, anzi meglio, fondamentale nel percorso della sua nazionale per vincere l’Europeo U18 nel 2016 (assieme al neo-giocatore dei New York Knicks, Frank Ntilikina), con gli addetti ai lavori rimasti impressionati dalle capacità atletiche e dall’atteggiamento sfrontato, in senso positivo. Da molti è considerato il giocatore classe 2000 con il più alto potenziale esprimibile in un percorso che già al Draft 2019 potrebbe già vederlo nella NBA: stiamo parlando ovviamente dell’ala francese Sekou Doumbouya.

SEKOU DOUMBOUYA (here is avaiable ENG version):

NATO IL: 23/12/2000

DOVE: Conakry (Guinea)

SQUADRA: Poitiers Basket 86 (LNB Pro B)

RUOLO: F

realgm.com

STORIA: Nato in Guinea, è arrivato con la sua famiglia in Francia quando era bambino, trovando casa nel bel mezzo della Val-de-Loire, nel paesino di Fleury-les-Aubrais. La prima parte della sua formazione sportiva comincia con il calcio, con buoni risultati personali, ma essendo già abbastanza alto, a 12 anni prova con la pallacanestro: gli piace la disciplina e comincia a giocare nella società del suo paese, il CJF Les Aubrais. Inizialmente viene impiegato come pivot: mostra buone mani e un discreto gancio, in allenamento già schiaccia. Fisicamente è già molto avanti rispetto ai suoi coetanei, tant’è che che il punto principale della formazione di giovani talenti francesi, l’INSEP Paris, lo nota e lo recluta. Il ragazzo trascorre lì altri due anni, finchè ora, a 16 anni, ha già in cassa il suo primo contratto professionistico a Poitiers.

draftexpress.com

FISICO: 206 cm per 95 kg. Questo è il punto che colpisce di più nel suo repertorio come giocatore: è un giocatore di caratteristiche fisiche fuori dalla norma, in primis l’atletismo e l’esplosività. Colpisce inoltre la verticalità corporea e il completo controllo, unito alla coordinazione e all’ampiezza dei movimenti. Inoltre ha un lavoro di piedi molto rapido e un buon uso di entrambe le mani nell’applicazione dei fondamentali. Difficile possa crescere ancora o che possa sviluppare ulteriori miglioramenti su questo punto: il compito dell’atleta ora sarà di mantenere queste doti fisiche e preservarne le qualità andando pari passo con la maturità cestistica.

TECNICA: cominciamo dal palleggio, spinto ma poco veloce e disarmante per battere l’avversario; è abile nell’eseguire i crossover, ma non ha ancora il controllo completo di questo fondamentale, soprattutto quando deve partire da fermo o è sotto pressione difensiva. Spostandoci sul passaggio, è in grado di passare in tutti i modi possibili nella didattica della pallacanestro, ma non applica spesso questo fondamentale, avendo preferenza a scegliere l’azione in isolamento per andare a canestro o tirare. A proposito del tiro, questo fondamentale non è ancora del tutto assimilato, sia in termini di tecnica che di continuità: seppure il risultato sia sempre una parabola molto alta, la preparazione è piuttosto lenta e la meccanica del gesto, così come la rotazione della palla, varia sempre a seconda della distanza e dal modo in cui si crea, che sia dal palleggio o dal passaggio; punta molto sui tiri vicino al ferro in lay-up o in gancio, ma è capace anche di segnare anche con un raggio più ampio di tiro. A rimbalzo fa sentire molto la sua presenza su ambo i lati del campo, affidandosi quasi puramente al suo istinto e alla lunghezza delle sue leve, però anche contro avversari più fisici mostra molta applicazione nel tagliafuori. Anche la stoppata è uno dei suoi punti forti, tuttavia deve imparare a scegliere con attenzione il timing giusto per saltare evitando di cadere nelle finte di tiro degli avversari.

ATTACCO: dal punto di vista offensivo è indiscutibile la propensione del ragazzo, così come la capacità di variare soluzione a cui si aggiungono la freddezza e la voglia con cui riesce ad essere un realizzatore. Cominciamo dall’1vs1, punto che sicuramente gioca a suo favore: essendo un’ala che predilige l’isolamento, sfruttando poco i blocchi dei compagni, si affida al suo lungo primo passo per battere l’avversario; se il primo passo è vincente, è inarrestabile, poiché attacca sempre il ferro con decisione per inchiodare due punti, senza concedere possibilità di recupero o aiuti. Tuttavia non ha controllo del corpo e scarsa fiducia per arrestarsi e tirare, dovendo ancora sviluppare una propria tecnica sul tiro. Grazie all’uso rapido dei piedi e alle lunghe leve, non ha paura del confronto spalle a canestro contro atleti di ruolo 4-5, essendo dotato anche di un gancio, non molto pulito dal punto di vista tecnico, ma molto efficace. Si esalta nello spingere in contropiede e in transizione, dando libero sfogo ai suoi mezzi fisici. E’ un giocatore ancora acerbo e parecchio istintivo a livello di QI cestistico, essendo nel mondo della pallacanestro da neanche 5 anni e mostra parecchie difficoltà nell’attaccare le difese a zona e nelle letture di gioco con i compagni, perdendo spesso palloni pesanti.

Basket221.com

DIFESA: ha un’interessante potenziale sotto il profilo difensivo; il suo fisico gli consente di coprire ben quattro ruoli, dalle shooting guards ai pivot, può reggere le penetrazioni avversarie e tenere cambi di direzione e velocità dei piccoli. Ha un timing eccellente negli aiuti per i compagni, costringendo spesso l’avversario a subire una stoppata (specialità del francese) o prendersi un tiro forzato: questo si rivela utile non solo nella difesa individuale, ma anche a zona, probabilmente quella in cui tatticamente si trova più a suo agio. Non è un difensore particolarmente aggressivo, ma non esita a mettere il corpo come punto di forza per bloccare il vantaggio all’avversario. Da migliorare è assolutamente la comprensione del gioco, essendo in difficoltà nel leggere i movimenti degli avversari, adeguarsi ai cambi ed avere un senso della posizione.

PERSONALITA’: sicuramente non gli manca la faccia tosta e la volontà di applicarsi per migliorarsi ulteriormente sulle lacune, è un giocatore capace di osare e che spesso vuole la palla, tuttavia deve imparare di più a giocare e creare per i compagni: nonostante +0,2 assist di media rispetto alla stagione precedente, l’HOB (Hands on bucket, ossia quanti punti contribuisce a creare per la squadra da canestri e assist personali) è ancora basso (14.7/100) anche se aumentato del 2,5% rispetto al 2016; inoltre si rileva un calo sul FIC (Floor Impact Counter, ossia l’impatto totale che ha in campo) di -0,8 punti rispetto alla passata stagione.

In conclusione, abbiamo un giocatore dalle doti fisiche spaventose, con un’occhio particolare sui miglioramenti tecnici e tattici: Poitiers, a detta stesso del giocatore in un’intervista a basketeurope.com, è stata una scelta concordata tra gli agenti e la federazione CFBB per decidere di farlo maturare in un’ambiente con poche pressioni, dove l’impiego di giovani talenti è uno dei punti di forza della società (basti pensare a Moussafa Fall, fresco campione di Francia con lo Chalon, e soprattutto Evan Fournier, cestista degli Orlando Magic). Per un ragazzo che non ha ancora compiuto 17 anni, entrare nel mondo dei professionisti è solo il primo passo per una scalata importante. Bon courage, Sekou!

 

IMMAGINE IN EVIDENZA: credits to fiba.com

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.