Finale Adecco Gold:Trento soffre e vince,all’orlandina non basta una gara tutta cuore

Home

AQUILA BASKET TRENTO- UPEA CAPO D’ORLANDO 74-69 (20-20, 20-22, 21-20, 13-7)

L’Orlandina non riesce a violare il PalaTrento e adesso dovrà far valere il suo fattore campo per allungare la serie. Trento vince e soffre da grande squadra ricevendo ancora tanto dal trio Triche-Forray-Spanghero. Ecco la cronaca della gara:

Trento inizia il secondo atto della serie come aveva concluso gara 1 e si trova subito avanti per 10-5 senza sporcare le percentuali al tiro(4/4 dal campo).L’orlandina si sveglia dal torpore iniziale e alzando l’intensità difensiva piazza un break di 11-0 che vale il 10-17. Il tabellone elettronico,come già successo in gara 5 delle semifinali contro Torino,inizia a fare le bizze e le squadre sono obbligate al timeout. Al rientro in campo Triche si carica la squadra sulle spalle e riesce a portare il punteggio in parità (17-17)a 2 minuti dalla fine della prima frazione. Mays riporta subito in vantaggio l’upea (17-19),ma Triche è caldissimo e realizza una bomba in transizione che vale il nuovo sorpasso Trento (20-19). I primi 10 minuti si chiudono in perfetta parità sul punteggio di 20-20.

forray
Forray,MVP di gara 2

La seconda frazione si apre con una pioggia di triple(due di Triche) da parte degli uomini di coach Buscaglia e l’Orlandina riesce a rimanere a contatto solo grazie alla coppia Nicevic-Mays (36-29). C’è da sottolineare come la voglia di buttarsi su ogni pallone da parte degli uomini di coach Pozzecco sia notevolmente aumentata rispetto a gara 1. Proprio questa intensità permette all’orlandina di ricucire lo strappo e portarsi avanti di due punti a 2 minuti dalla fine (30-48). La partita è molto più fisica rispetto al primo atto della serie ,ma gli arbitri tengono in mano la gara e sono bravissimi a sanzionare i contatti. Il secondo quarto si conclude con Mays&co. che guidano sul 40-42 e con la partita che si fa sempre più interessante.
La prima buona notizia del terzo quarto è che il tabellone elettronico è stato riparato. A testare se tutto funziona ci pensano subito Portannese e Soragna che piazzano due bombe per il 42-48. Trento piazza un mini break di 5-0 con una bomba di Baldi Rossi e un canestro di Pascolo (47-48),ma Archie segna in semigancio dal centro dell’area e porta i suoi sul 47-50 a 7 dalla fine. Le squadre sentono sia la fatica fisica che la stanchezza mentale e iniziano a perdere palloni banali. Non si segna per due minuti abbondanti fino a quando Forray trova il pareggio con un comodo layup (50-50),ma la parità dura soli pochi secondi perché Mays piazza la bomba del 50-53. I due si ripetono nelle azioni successivi recitando lo stesso copione (layup e bomba)e solo Pascolo rompe questo duetto segnando e subendo il fallo (55-56). A 2:15 dalla fine della terza frazione arriva il classico tecnico al Poz: 4 tiri liberi realizzati da Triche e Trento che vola sul 59-56. L’ex Syracuse capisce che è il momento di attaccare il ferro e segna il +5(61-56). Spanghero ingenuamente si fa chiamare tecnico e restituisce il favore al Pozz,l’orlandina realizza tre dei quattro liberi a disposizione e si porta sul 61-59. L’upea prende fiducia e sulla sirena piazza la bomba del +1 che chiude il quarto.

Keddric Mays, MVP del match
Keddric Mays, non sono bastati i suoi 27 punti

Gli ultimi 10 sono un continuo botta e risposta e i vantaggi cambiano repentinamente. A 6:30 dalla fine l’orlandina conduce 66-67. Pascolo capisce che serve qualche giocata da MVP e realizza un tap-in grazie alle sue lunghe leve(68-67).Si torna a segnare pochissimo in questa frazione e gli errori si susseguono senza sosta. Triche sblocca il suo tabellino dopo un lungo digiuno e ,con un palleggio arresto e tiro ,realizza il + 3 Trento (70-67). Gli orlandini non trovano più la via del canestro e Forray li punisce con un difficilissimo reverse che vale il 72-67 ad appena quaranta secondi  dalla fine. L’upea trova due liberi con Nicevic a 20 secondi dalla fine (72-69) e commette fallo sistematico per raggiungere il bonus. Trento non trema dalla lunetta e con Baldi Rossi chiude la gara sul 74-69.

 

 

MVP: Forray sta giocando una serie pazzesca. Le sue cifre offensive  sono fino ad ora il vero segreto di Trento.

 

Aquila Basket Trento: Triche 23 , Pascolo 11, Baldi Rossi 9, Pablo Forray 19, Fiorito, Santarossa , Jaquawn Elder, Lechthaler, Spanghero 12  N.E.: Molinaro

Upea Capo D’Orlando: Soragna 11 , Laquintana , Benevelli , Nicevic 9 , Portannese 6, D’Wayne Mays 27, Archie 9, Ciribeni 2, Valenti 5  N.E.: Basile

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.