Finale thriller al Palau Blaugrana: l’Efes risale dall’inferno e supera in volata un super Barcellona

Coppe Europee Eurolega Home

FC BARCELONA – ANADOLU EFES ISTANBUL 82-86
(19-24/23-21/16-21/24-20)

E’ un Efes corsaro quello che va a vincere in Catalogna contro l’invincibile Barcellona. Dopo tre quarti di vantaggio gli ospiti erano andati sotto di nove punti, ciononostante non è bastato ai blaugrana per chiudere la sfida, vinta poi dagli uomini di Ergin Ataman.

Partita assolutamente scoppiettante al Palau Blaugrana. Nel primo quarto sono i turchi a partire con il turbo grazie a Simon, Pleiss e il solito pericoloso Larkin per il +10 che stabilizza non poco i locali, in grossa difficoltà ai punti. Mirotic e Delaney rispondono a Singleton, mentre pian piano lo svantaggio si assottiglia; sul -3 di Davies arriva la stoccata di Sanli, che chiude a ridosso della sirena (19-24).
I ritmi non si abbassano al rientro nel parquet, ma stavolta sorride un po’ di più il Barça che, una volta sotto di 8 lunghezze, riesce a ritrovare la luce grazie a un sontuoso Malcom Delaney dall’arco: l’ex Lokomotiv mette tre triple in fila, l’ultima valevole per il primo vantaggio blaugrana. L’Efes, con il solo Simon pericoloso, riprende la testa della gara grazie al ritorno in campo di Larkin, che mette il canestro del +5 e serve Simon per il nuovo +8. Ribas, entrato per sostituire Hanga con tre falli, fa di tutto nel finale ma i padroni di casa si devono accontentare del -3 alla pausa lunga (43-45).

Dopo la pausa le squadre rientrano un po’ fredde sul parquet, con tanti errori a canestro e sui possessi nei primi tre minuti del terzo periodo. Le buone notizie sono inizialmente sono per i locali, con Davies mattatore assoluto (i 16 punti del Barcellona in tutto il quarto sono suoi); l’ex Zalgiris trova la parità e risponde colpo su colpo a Singleton, Larkin e l’ex Moerman. I compagni però non lo seguono e Beaubois cancella lo sforzo dello 0 catalano con la tripla del doppio possesso di vantaggio. I padroni di casa sembrano persi, l’Efes ne approfitta e allunga ancora prima della penultima sirena (58-66).
Nell’ultima agguerrita frazione il Barça mette tutta l’energia possibile: il break di 11-0 con le due triple di Kuric consente il primo vantaggio dei catalani in un palazzetto infuocato. L’Efes fa veramente fatica e non riesce ad ingranare, mentre Kuric mette la terza bomba di fila e regala il massimo parziale di 14-0 ai suoi. Senza neanche più coach Ataman, fuori per doppio tecnico, i turchi cercano il tutto per tutto e, quasi a sorpresa, riprendono una partita praticamente finita grazie ai canestri di Larkin e Peters, quest’ultimo per il pareggio. Gli ultimi minuti sono pura tensione: Mirotic risponde a Singleton e sull’82-82 a deciderla è Larkin, chirurgico dalla lunetta con il 4/4 dopo gli errori di Oriola e Kuric. Dopo un mese e mezzo si ferma la striscia positiva del Barça (82-86).

FC BARCELONA: Davies 20 – Delaney 15 – Mirotic 14

ANADOLU EFES ISTANBUL: Larkin 26 – Singleton 17 – Simon 10

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.