Finali NBA, chi vincerà l’anello?

NBA News

Ci accingiamo a vivere le Finals piú inedite e inaspettate dell’intera storia del basket a stelle e strisce. L’ultima volta che Milwaukee ha raggiunto le Finali Nba la popolarissima serie TV “Happy Days” faceva il suo debutto sulla ABC, Björn Borg vinceva il suo primo Grande Slam, nei cinema era in programmazione “Il Padrino parte II”, Mr. Clutch Jerry West si ritirava dal basket e Nate Thurmond diventava il primo giocatore Nba a far registrare una quadrupla doppia. Era il 1974 e i Bucks di Oscar Robertson e Lew Alcindor (in seguito Kareem Abdul Jabbar) perdevano l’anello in finale coi Celtics per 4-3. Giannis Antetokounmpo sarebbe nato solo venti anni più tardi. 

Piú recente ma comunque abbastanza lontana, l’ultima apparizione dei Suns, risalente al 1993. Era l’anno del Pallone d’oro a Roberto Baggio, dell’uscita nelle sale di Jurassic Park e della dolorosa quanto prematura scomparsa di Drazen Petrovic.
Phoenix, a differenza dei rivali, non ha nemmeno mai messo un anello in bacheca. Sconfitta in entrambe le occasioni, nel 1976 dai Celtics di Havlicek e nel 1993 dai Bulls di Michael Jordan. 

Bucks vs Suns, chi vince l’anello?

Piú che delle franchigie queste saranno le Finals delle stelle. Da una parte Chris Paul, una delle point guard piú forti di sempre a non aver mai infilato un anello al dito. Vincere il titolo significherebbe scolpire nel marmo il proprio nome, dopo anni da protagonista. 11 volte All Star, Rookie dell’anno, 4 volte miglior assist man e 6 volte miglior rubapalloni della Lega. Numeri impressionanti che solo un anello potrá rendere immortali. 

Dall’altra parte the Greek Freak Giannis Antetokounmpo, due volte MVP della Lega e indicato da molti come erede al trono di padrone della Nba al ritiro di LeBron James. Il greco dovrà dimostrare al mondo di essere finalmente pronto alla metamorfosi: da macchina da punti a uomo squadra in grado di portare i suoi all’Eldorado. 

Phoenix parte favorita su Milwaukee

Ci sono molteplici motivi per i quali le quote sulla vittoria dell’anello di questa stagione di NBA indicano i Suns come favoriti. Primo fra tutti il fattore campo, guadagnato dai Suns grazie al secondo posto in regular season, a fronte del terzo dei Bucks. A seguire il capitolo infortuni: Paul sta recuperando agevolmente da un fastidio alla mano, Giannis é addirittura in dubbio per gara 1 a causa dell’iperestensione al ginocchio sinistro che lo tiene lontano dal parquet da gara 4 contro Atlanta. 

Ma é il percorso effettuato per arrivare alle Finals il fattore che orienta maggiormente i pronostici. I Suns hanno eliminato progressivamente le tre maggiori pretendenti ad Ovest ossia i Los Angeles Lakers di LeBron e AD, i Nuggets dell’MVP Jokic, addirittura con un netto 4-0, e infine i Clippers di Leonard.

Leggermente piú agevole il cammino dei Bucks che hanno eliminato una sola vera contender per il titolo, i Brooklyn Nets del trio Durant-Harden-Irving, sebbene non si sia quasi mai visto al completo. Il 4-0 sugli Heat aveva aperto i playoff, proseguiti con la serie vinta solo a gara 7 (e in maniera alquanto incredibile) coi Nets e conclusi con il successo su Atlanta per 4-2

In conclusione Phoenix é piú squadra, anche grazie all’impareggiabile regia di Chris Paul, ben conscio di trovarsi di fronte all’ultimo treno della carriera. Milwaukee deve ritrovare la sua stella, possibilmente senza conseguenze post infortunio. La sua presenza per tutta la serie é condizione necessaria per sperare nell’anello, viceversa i Suns potrebbero avere vita fin troppo semplice.

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.