Furkan Aldemir, esclusiva BU: “L’anno prossimo voglio essere protagonista con i Sixers e faremo di tutto per eliminare l’Italia”

Esclusive Nazionali

BasketUniverso ha avuto il piacere e l’onore di intervistare un grande campione europeo e un sicuro prospetto NBA come Furkan Aldemir, dallo scorso 15 dicembre un giocatore dei Philadelphia 76ers. Aldemir ci ha concesso di porgli qualche domanda sul suo futuro nella NBA e sul prossimo Eurobasket.

La passata stagione tu hai giocato la prima stagione in NBA, come pensi sia andata con la maglia dei Sixers e qual è il tuo commento sulla squadra?

Io sono contento di come ho giocato però mi trovo in una squadra molto giovane e, ad oggi, per niente competitiva. La dirigenza ha deciso di puntare tantissimo sul draft e quindi è normale che nei primi anni fai fatica, a questi ragazzi manca moltissimo l’esperienza e, quando giochi contro campioni come James, Durant, i fratelli Gasol e tutti gli altri, purtroppo la paghi, rischiando anche di fare brutte figure. Inoltre eravamo una squadra che era cambiata molto furkan aldemir turchia
rispetto all’anno precedente, ci sono stati molti innesti (Aldemir è stato uno di questi n.d.r.) e anche questo fattore non giocava a nostro favore ma sono molto fiducioso per la prossima stagione: abbiamo tutti un anno in più, ciò vuol dire maggiore esperienza e malizia, inoltre ognuno di noi sa meglio quali sono i movimenti del compagno, così da servirlo nel miglior modo possibile. Sono certo che l’anno prossimo andrà decisamente meglio”.

Quest’anno hai giocato circa la metà delle partite di regular season, anche perché sei arrivato a stagione inoltrata, ma comunque hai avuto poco minutaggio in campo. Credi che l’anno prossimo avrai più minuti a disposizione per mettere in mostra il tuo talento?

Sono certo di sì. L’anno scorso sono arrivato a metà dicembre e non è stato facile inserirmi negli automatismi della squadra, soprattutto perché non conoscevo molti degli schemi che il coach ci chiedeva di giocare e devo ammettere che non è stato semplicissimo capirli, sono parecchio più complicati rispetto alla maggior parte dei giochi europei. 
Quest’estate ho disputato la summer league di Salt Lake City e questo è stato molto importante per me. E’ vero che sono state solo tre partite ma già ho potuto conoscere un compagno di squadra come Okafor con cui mi trovo a meraviglia e comunque ho potuto mettere in mostra le mie qualità, cosa che non sono riuscito a fare l’anno scorso per i motivi che ho elencato sopra. Questo potrà essere un bell’anno per me e per la squadra!”.

Quali sono le tue impressioni su questa Turchia? Credi che avete delle chance di vincere il prossimo Campionato Europeo? E invece credi che noi italiani ce la possiamo fare?

Furkan Aldemir TurchiaSinceramente non credo proprio. Siamo una squadra molto giovane (Aldemir è un classe 1991, anche se gioca da veterano n.d.r.) e che oggettivamente ha poche chance di poter vincere il prossimo Europeo. Siamo un gruppo che potrà giocare insieme ancora per 10-15 anni e avremo tutto il tempo per portare ad Istanbul qualcosa con questa gruppo. Tornando a questo Eurobasket, per andare avanti e passare il primo girone che è già difficilissimo di per sé (la Turchia è con l’Italia, la Spagna, la Germania, la Serbia e l’Islanda n.d.r.) dobbiamo giocare con il cuore, solo in questo modo possiamo avere delle possibilità di eliminare squadre che sulla carta sono più attrezzate di noi, come l’Italia per esempio. Parlando proprio dell’Italia penso che sia un buon roster, sicuramente più pronto di noi per questo Europeo, perché ha giocatori NBA fortissimi come Gallinari, Bargnani, Belinelli e altri molto forti come Datome, Gentile, Hackett,… perciò ha tutte le carte in regola per dire la sua fino alla fine ma prima deve vedersela con noi turchi che faremo di tutto per eliminarla perché è la nostra avversaria diretta se vogliamo passare: escluse Serbia e Spagna che sono molto più forti di noi, per pensare di superare il turno come terzi classificati abbiamo la necessità di eliminarvi“. (mentre diceva tutto questo, Aldemir aveva un sorriso beffardo stampato sulla faccia n.d.r.).

Ultima domanda: cosa ne pensi di Bormio e delle sue strutture?

Fortunatamente è il quarto anno che vengo qui a Bormio e sono sempre più contento ogni volta che ci vengo. Qui l’aria è fresca, il cibo italiano è il migliore al mondo e le persone non ti infastidiscono chiedendoti autografi e foto ogni due secondi, a volte passiamo in mezzo alla gente e non veniamo nemmeno notati, un po’ per timore e un po’ perché non tutti ci conosco, e la maggior parte ci indica perché siamo grossi e tutti molto alti, come se fossimo dei “mostri” (ride furkan aldemir turchian.d.r.). Per quanto riguarda le strutture, qui sono ottime: la palestra è bellissima, ha un parquet fantastico ed è molto attrezzata anche a livello di pesistica, sin da subito ho capito perché coach Ataman porta a Bormio le sue squadre a
fare la preparazione da più di dieci anni“.

BasketUniverso ringrazia ancora una volta lo staff della Nazionale Turca e lo stesso giocatore Furkan Aldemir per l’enorme gentilezza e disponibilità e rinnova l’augurio per l’Europeo, augurandosi che sia la nostra Nazionale che la loro possano passare entrambe il girone berlinese.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.