Quarti G1 – Il Real vola a +14 nel terzo quarto, si fa rimontare e la vince con 4 liberi nell’ultimo minuto

Coppe Europee Eurolega Home

Real Madrid – Panathinaikos 75-72

(21-17; 22-18; 15-17; 17-20)

A 20 giorni dal canestro di Rudy Fernandez che valse la vittoria dei Blancos ad Atene (73-74), a un anno dalla serie del 2018, è rematch tra il Real, campione in carica, e Panathinaikos, per giocarsi un posto alle Final Four di Vitoria.

Dopo il tributo a Doncic, si entra in partita e per il primo canestro bisogna aspettare 2 minuti e 20, con una tripla di Taylor; mentre i primi del Pana arrivano dopo altri due minuti con Thomas così che a metà quarto il tabellone dice 6-4. Dopo il primo time out, chiamato da Pitino, le squadre si accendono, mentre Taylor (11 pt a fine primo quarto) riesca a bucare la retina con la terza tripla della partita e, contemporaneamente, prendersi cura di Calathes. Gli allenatori iniziano a ruotare gli interpreti in campo e il Pana trova punti sotto canestro con Vougioukas chiudendo sul 21-17.

Il secondo quarto si apre con uno scatenato Langford, mentre Calathes continua a litigare con il ferro e la partita, mentre il Real trova punti da Carroll e a metà quarto è sopra di cinque lunghezze (30-25). A quattro minuti dalla fine Calathes si iscrive alla partita con una tripla centrale, seguito da Kilpatrick che siglano un mini parziale di 0-6 che porta Laso a interrompere la partita (32-31). Al rientro i Blancos piazzano un break di 5-0, interrotto da una schiacciata perentoria di Papapetrou dopo un recupero, ma è un lampo che non impedisce al Real di allungare il vantaggio e chiudere il primo tempo sopra di 8 (43-35).

Il terzo quarto si apre all’insegna di Taylor, Tavares, “Green” in bambola a lasciare un’autostrada a Causer e scivolare sul -14. Pitino ferma la partita dopo meno di due minuti, ma Calathes continua a faticare ad entrare in partita e tutto il Pana ne risente non riuscendo a scendere sotto la doppia cifra di svantaggio. Dal nulla si accende Papapetrou con due triple, Lekavicious e Langford in penetrazione e in un amen gli ospiti tornano a -4 (56-52), consegnando un ultimo periodo da seguire con attenzione.

Quarto decisivo che vede in campo Reyes, per la prima volta della partita, ma è Carroll che realizza con il suo marchio di fabbrica, tripla in uscita dai blocchi. Calathes inizia a prendere le misure alla difesa, realizza per sé, assiste i compagni con Vougioukas a beneficiarne. A 5’45” dalla fine Calathes completa la rimonta sul 64 pari con una tripla centrale, per poi assistere Thomas per il primo sorpasso. Tavares interrompe l’emorragia di canestri Real con due liberi, ma Calathes è entrato in partita nel quarto decisivo e realizza ancora da tre punti. Ultimo minuto di gioco che inizia sul 71-72, palla in mano Real e Rudy subisce fallo, ma non riesce a tirare i liberi per un problema al volto, ci pensa Carroll al suo posto e dare il vantaggio ai suoi. Il protagonista indiscusso degli ultimi due possessi è Campazzo che prima difende in maniera egregia su Langford e poi realizza i due liberi che fissano il punteggio finale sul 75-72.

Real Madrid: Causer 12, Randolph* 3, Fernandez* 7, Campazzo* 8 + 6 assist, Reyes 0, Ayon 2, Carroll 8, Tavares* 8 + 8 rimb, Deck 2, Prepelic 7, Thompkins 5, Taylor* 13. All: Laso

Panathinaikos: Thomas* 12, Langford 9, Papagiannis* 2, Papapetrou* 8 + 7 rimb, Gist 2, Vougioukas 10, Lekavicius 7, Kilpatrick* 5, Lojeski 0, Calathes* 17, Antetokumpo 0, Mitoglu . All: Pitino

 

 

 

 

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.