George Hill critica pesantemente i protocolli anti-COVID dell’NBA e paventa un boicottaggio

Home NBA News

George Hill degli Oklahoma City Thunder non è particolarmente soddisfatto dalle regole che l’NBA sta fissando per ostacolare la pandemia globale. La situazione del COVID-19 è stata piuttosto complicata e negli ultimi tempi l’ufficio della lega è stato sotto tiro per alcuni dei protocolli emanati.

A causa della recente epidemia di giocatori risultati positivi al COVID-19, la lega ha intensificato i propri protocolli di salute e sicurezza per cercare di mitigare ulteriormente la diffusione del virus. Qualche partita è stata rinviata ma il campionato è fermamente convinto che la sospensione della stagione non sia ancora un’opzione.

Hill, che non è mai stato timido nel dire la sua, ha cercato di dare un senso a tutte le regole e ai protocolli che il campionato ha implementato.

“Vogliamo giocare. Ma non capisco alcune regole. Possiamo sederci accanto a un ragazzo per 48 minuti, ma non possiamo parlare con lui dopo. Non ha senso”.

“Sono un uomo adulto, quindi farò quello che voglio. Se voglio vedere la mia famiglia, andrò a vedere la mia famiglia. Se è così grave, non dovremmo giocare”.

Nell’ultimo tweet, Hill paventa un boicottaggio, dicendo che forse non dovrebbero giocare se, per giocare, devono stare lontani dalla loro famiglia per molte settimane.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.