Gianni Petrucci EuroLega

Gianni Petrucci: “Basta subire l’arroganza dell’EuroLega! Se non verranno in Nazionale, applicheremo i regolamenti…”

Eurolega Home Nazionali

Gianni Petrucci, Presidente della FIP, ha parlato con toni molto accesi dell’EuroLega ai margini del Consiglio Federale svoltosi nella giornata di ieri. Ecco le parole di Petrucci riportate da Il Corriere dello Sport.

ITALBASKET-EUROLEGA

“Penso sia arrivato il momento di finirla con l’arroganza di un organismo privato di un circuito chiuso che pretende di decidere al di sopra di un organismo internazionale, composto da 205 nazioni, riguardo una manifestazione come l’Olimpiade. Visto che il Mondiale qualificherà per i Giochi Olimpici. Ovviamente non faremo sfide a Milano, agiremo con il buon senso e con l’Olimpia non ci sarà alcun conflitto. Sacchetti parlerà con coach Messina, evidenziando l’importanza di avere alcuni giocatori dell’Armani per la Nazionale. Fontecchio e Polonara? Se Sacchetti decide di chiamarli, devono venire in azzurro, altrimenti si applicheranno i regolamenti. Il calcio ha una Champions che funziona, quando ci sono le gare delle Nazionale, gli atleti rispondono sì. I club pagano i giocatori? E allora? Io tutelo i regolamenti e la cultura dello sport italiano”.

PROTEZIONISMO

“Ho detto che il protezionismo sugli italiani sarà oggetto di discussione. Si è dimostrato però da uno studio che negli ultimi 4 anni il minutaggio dei nostri atleti è aumentato sensibilmente, dal 27% al 37%. Ne parleremo ancora, ma dopo questa indagine sarà difficile che verrà abbassata la quota fissa obbligatoria degli italiani in una squadra di A”.

Gianni Petrucci non ci è andato per niente leggero con l’EuroLega ma adesso bisogna capire quali decisioni si prenderanno in futuro. Ormai il dado è tratto e prevediamo delle evoluzioni interessanti – per usare un eufemismo – da qui ai prossimi mesi. La FIBA non ha più intenzione di accettare certe situazioni. Vediamo chi vincerà questa guerra che dura ormai da decenni.

Leggi anche: Hackett chiarisce: “Uscita non di buon stile ma il sistema non è cambiato!”

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.