Giannis Antetokounmpo ha vinto il suo secondo MVP giocando meno di tutti

Home NBA News

Giannis Antetokounmpo sarà nominato ufficialmente oggi come MVP della stagione regolare 2019-20, al termine di una cavalcata da record fino a marzo, ovvero quando poi l’annata è stata sospesa a causa del coronavirus (per le votazioni dei premi individuali si è tenuto conto di quella data). È il secondo MVP della sua carriera, consecutivo, e permetterà al greco di unirsi a Michael Jordan e Hakeem Olajuwon come terzo giocatore della storia capace di vincere nella stessa stagione i premi di MVP e Difensore dell’Anno.

Ma c’è un altro record che Giannis ha battuto con questo successo: è diventato, tra tutti gli MVP della storia, quello che lo ha vinto giocando meno minuti. La stella dei Milwaukee Bucks è rimasta sul parquet soltanto 30.4 minuti di media in questa stagione regolare, producendo 29.5 punti, 13.6 rimbalzi e 5.6 assist a partita. L’anno scorso, Antetokounmpo aveva conquistato il premio con oltre 2′ di media in più in campo, ovvero 32.8, che era già il terzo minor dato (il secondo, superato quest’anno da Giannis, è l’MVP di Steph Curry nel 2015, con 32.7 minuti di media)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.