Giorgio Tesi Pistoia: Wanamaker la stella, pochi italiani e l’obiettivo della salvezza

Home

Giorgio Tesi Group Pistoia 2000

 

logo-pistoia-basket-2000

wanamaker1La stella: Brad Wanamaker

Il playmaker, che ha giocato nei Panthers in NCAA, viene da un anno a Limoges, dove ha disputato una discreta stagione a 9 punti di media con 3.5 assistenze per partita. E’ indicato da tutti come il leader tecnico e carismatico, resta in dubbio se avrà le caratteristiche per guidare l’intero attacco pistoiese. In Italia esperienza di minore importanza con Teramo e Forlì.

L’arma in più: Kyle Gibson

La guardia era ciò che serviva a Pistoia. Corsa e discreto talento per dare più importanza ad un roster in cui rimangono alcune lacune. Resta un’incognita perché non ha mai giocato in Europa, anche se le partite disputate in D-League sono incoraggianti (ultima stagione a 16 punti di media).

L’allenatore: Paolo Moretti

L’ex giocatore della nazionale è un giocatore che sa il fatto suo. Nel corso della sua carriera da allenatore ha portato le sue squadre a risultati insperabili. Sa scommettere sui giovani e dare il giusto spazio per esaltare le caratteristiche di ogni singolo. L’anno scorso gli sono stati preferiti solo Martelossi (Brescia) e Buscaglia (Trento) nell’ambito del miglior allenatore di LegaDue.

Il mercato: Le scommesse sono tante.

Pistoia ha puntato molto su giocatori americani di talento, anche se manchevoli di esperienza in Europa. Interessante la coppia di esterni che si è creata con Daniel e Johnson. Peccato non aver puntato su qualche italiano che poteva portare un po’ più esperienza ad un roster che all’inizio potrebbe incontrare molte difficoltà.

Le aspettative: la salvezza come un unico obbiettivo

Pistoia dovrà essere brava a sfruttare tutte le occasioni che il campo le offrirà. Il problema, come già detto è l’esperienza, poca. Per sperare in una salvezza tranquilla serve l’esplosione di qualche singolo, a Moretti l’ardua impresa.

[banner align=”aligncenter”]

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.