Gregg Popovich sulla permanenza di Duncan: “Sarà sempre la stessa noia”

NBA News

hi-res-396a1a760b156e80a10a0f48f6d3dc93_crop_north

Duro e impassibile fuori, in realtà molto ironico e spiritoso: Gregg Popovich nel corso degli anni ci ha abituati a diverse dichiarazioni/comportamenti che hanno fatto sorridere, senza cadere nelle pagliacciate. Quest’anno, per l’ennesima volta, Pop sarà alla guida di una squadra con un solo obiettivo: l’anello NBA. Tony Parker pochi giorni fa si era detto “onorato” per quest’ultima opportunità di conquistare il sesto titolo della franchigia, il quinto personale. Ma sarebbe davvero l’ultimo? I San Antonio Spurs sembrano sull’orlo del baratro ogni estate, ma puntualmente si rimettono in piedi tornando più temibili di prima, ne è l’esempio questa free agency. Dalla possibilità di non vedere più in campo Tim Duncan e Manu Ginobili, proprio insieme a Parker gli artefici degli ultimi quattro titoli vinti dagli Spurs, a non solo il ritorno dei due veterani, ma anche all’aggiunta di LaMarcus Aldridge, David West e il rinnovo di Danny Green.

Popovich, in un’intervista a SiriusXM’s NBA channel, ha parlato in particolare del ritorno di Duncan, che ha oltretutto rinnovato per due anni, e lo ha fatto nella solita maniera, con ironia:

Cosa mi aspetto dalla sua diciannovesima stagione nella NBA? Sempre lo stesso gioco noioso. Verrà alla partita, segnerà X punti e prenderà X rimbalzi. Sarà il leader, mi dirà cosa fare durante la partita e poi ce ne torneremo tutti a casa. La stessa routine come sempre.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.