Hassan Whiteside non fa prigionieri, attacca anche i Sacramento Kings

Home NBA News

Più che una stagione NBA per Hassan Whiteside sembra essere diventata una serie di vendette personali verso tutte le squadre che, in questi anni in cui ha giocato in D-League, Libano e Cina, non gli hanno mai dato una chance. Qualche giorno fa era toccato ai Los Angeles Clippers, battuti dai Miami Heat con Whiteside da 23 punti e 16 rimbalzi dalla panchina, al termine del match il giocatore non aveva esitato ad attaccare Doc Rivers per averlo scartato.

Lo stesso è avvenuto oggi, proprio un giorno prima del match contro i Sacramento Kings, squadra dalla quale Whiteside era stato draftato e con cui aveva disputato le uniche 19 partite della propria carriera NBA fino a quest’anno. Il centro degli Heat ha così parlato della sua ex squadra, che lo tagliò durante la seconda stagione in California:

Coloro che mi tagliarono a Sacramento ora non ci sono più. Quanto è stato intelligente questo gesto?

Anche un gioco di parole per Whiteside, in inglese infatti “intelligente” si traduce come “smart”, e chi era all’epoca il coach dei Kings? Keith Smart. L’ironia della sorte è che Smart, licenziato successivamente da Sacramento, ora è nello staff di coach Spoelstra a Miami. Nel frattempo ieri notte nella sconfitta contro Golden State sono arrivati 10 punti e 12 rimbalzi, sicuramente il fatto di essere stato rifiutato così tante volte è una motivazione in più per il giovane lungo.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.