Hornets, Jordan licenzia l’agenzia di security per i commenti razzisti del CEO

Home NBA News

Non solo la generosa donazione effettuata attraverso il suo brand, adesso Michael Jordan prende di petto il razzismo anche nelle vesti di proprietario degli Charlotte Hornets e del proprietario.

La franchigia, infatti, ha deciso di chiudere ogni rapporto con la CPI, l’agenzia che gestiva i servizi di sicurezza del team. Il motivo della decisione risiede nei commenti razzisti del CEO dell’azienda, Ken Gill, che riguardo le proteste successive alla morte di George Floyd aveva dichiarato: “Impiegate il tempo in cose più costruttive, come pensare ai crimini dei neri contro i neri e alle morti insensate di tanti giovani uccisi dai loro coetanei”.

Parole che hanno scatenato le reazioni di diverse associazioni e di gran parte dell’opinione pubblica, tanto che anche altre franchigie di Charlotte (i Knights di baseball e i Panthers di NFL) avevano subito deciso di tagliare i ponti con la CPI, come fatto anche dalle università di NC State e South Carolina.

Ora anche gli Hornets hanno deciso di mettere fino alla partnership, annunciandolo con un comunicato stampa: “Il nostro chairman (Michael Jordan, ndc) ha espresso molto chiaramente il suo pensiero su razzismo, giustizia sociale e diversità – si legge nella nota -, valori condivisi dal team. Per questo motivo crediamo sia giusto concludere la collaborazione con CPI”.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.