I 10 migliori giocatori NBA che guadagnano meno di 10 milioni di dollari

Home NBA News

Da questo interessante studio di Bleacher Report emergono i migliori giocatori NBA che percepiscono uno stipendio da meno di 10 milioni di dollari. Elementi preziosissimi per le varie franchigie che possono così contare su giocatori di ottimo livello senza gravare eccessivamente sul salary cap. Un argomento tornato di tendenza, quello degli stipendi “bassi”, dopo che The Last Dance ha ricordato quanto bassi siano stati gli emolumenti elargiti dai Bulls a Scottie Pippen nell’epoca d’oro di Chicago.

Ecco, dunque, i dieci migliori giocatori low cost della NBA attuale.

10) Richaun Holmes – Sacramento Kings (4,7 milioni)
In estate ha firmato un biennale da 9,8 milioni complessivi, ampiamente ripagati nonostante le 25 partite saltate in questa stagione per infortunio. Le sue cifre dicono 12,8 punti e 8,3 rimbalzi con il 65% dal campo, unito a un atletismo utilissimo alla causa dei Kings. Andrà in scadenza, senza restrizioni, nel 2021.

9) Joe Harris – Brooklyn Nets (7,6 milioni)
Vincitore della gara del tiro da tre dello scorso anno, in questa stagione viaggiava a quasi 14 punti di media con il 41,2% dalla lunga distanza che diventa 61,3 se ci limita alle situazioni di catch and shoot. Con il rientro di Durant e Irving a pieno regime Brooklyn diventerà una contender, giocatori di contorno di questo tipo sono imprescindibili per puntare all’anello.

8) Davis Bertans – Washington Wizards (7 milioni)
Quella in corso è la miglior stagione della sua carriera con 15 punti e oltre 4 rimbalzi di media ma soprattutto il 42% al tiro da tre punti. Ricopre due ruoli e apre il campo a meraviglia, è il prototipo del lungo moderno e sembra arrivato al culmine del suo processo di maturazione. Sarà free agent in estate e nonostante il prevedibile abbassamento del tetto salariale, dovrebbe strappare un contratto quanto meno al doppio di quanto percepisce attualmente.

7) Christian Wood – Detroit Pistons (2 milioni)
Quando firmò, due anni fa, non sembrava poter ambire a molto di meglio e in pochi erano certi che non sarebbe stato tagliato. Nel frattempo però è riuscito a sfruttare a dovere il suo atletismo e soprattutto a sviluppare il tiro da lontano, arrivano a tirare con il 38%. Quest’anno produce 13 punti e 6 rimbalzi a partita, nella prossima free agency sarà libero di lasciare il Michigan e di certo riceverà un corposo aumento.

6) Bogdan Bogdanovic – Sacramento Kings (8,5 milioni)
Un altro colpaccio dei Kings che si godono i suoi 14 punti con 3 rimbalzi e altrettanti assist per match. A fine anno sarà restrected free agent: Sacramento avrà perciò la possibilità di pareggiare qualunque offerta gli verrà recapitata e sembra disposta ad aprire i cordoni della borsa per trattenerlo.

5) PJ Tucker – Houston Rockets (8,3 milioni)
In questo a statistiche non è al livello degli altri (7 punti e altrettanti rimbalzi per serata) ma il suo ruolo nei Rockets va ben al di là dei numeri. Interprete imprescindibile sui due lati del campo nella smal ball di Mike D’Antoni, aggiunge un affidabilissimo tiro dall’arco (37%) e soprattutto tantissima esperienza.

4) Derrick Rose – Detroit Piston (7,3 milioni)
Scommessa vinta dai Pistons che hanno ritrovato una versione scintillante di D-Rose. Non sarà più il devastante mvp del 2011 ma quella di quest’anno è la versione che più vi si avvicina, come dimostrano i 18 punti (con 5 assist) di media messi a segno fino all’interruzione.

3) Montrezl Harrell – Los Angeles Clippers (6 milioni)
Altamente improbabile vederlo uscire dalla panchina losangelina anche nella prossima stagione. Nel corso degli ultimi due anni ai Clippers è migliorato esponenzialmente e attualmente rappresenta una delle “riserve” maggiormente di lusso dell’intera NBA. Pur non essendo quasi mai partita dall’inizio, ha prodotto 18 punti e 7 rimbalzi di media. Nella stagione futura potrebbe arrivare a guadagnare anche il triplo di quanto intasca adesso.

2) Lou Williams – Los Angeles Clippers (8 milioni)
Ecco l’altro interprete più importante della panchina di Doc Rivers, votato per tre volte come sesto uomo dell’anno. In questa stagione, a 33 anni, combina ancora per 18 punti e 5 assist per gara. Anche lui sembra destinato a lasciare la California, visto che sarà free agent senza restrizioni e andrà a caccia dell’ultimo contratto importante della carriera.

1) Fred VanVleet – Toronto Raptors (9,3 milioni)
Per quanto fatto vedere nelle scorse Finals e in questo scorcio di stagione nella nuova versione dei Raptors, BR lo ha messo al primo posto per rapporto qualità-prezzo in tutta la NBA. I canadesi ne sono ben consapevoli ma sembrano pronti a raddoppiargli l’ingaggio per non perdere i 17 punti e 6 assist che fa registrare di media, oltre al grande apporto nella metà campo difensiva.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.