I giocatori di Cantù reagiscono alle ultime novità, Ike Udanoh: “Come stareste se al lavoro non veniste pagati per mesi?”

Home Serie A News

Proprio quando le acque sembravano essersi momentaneamente tranquillizzate, in casa Pallacanestro Cantù è scoppiata un’altra bomba: quella della dipartita, a quanto pare senza autorizzazione, di coach Evgeny Pashutin.

Non sono tardate ad arrivare le reazioni dei giocatori, sia attuali che della passata stagione, sui social, a partire dal capitano Ike Udanoh. L’ex Mantova si è lasciato andare nelle storie di Instagram, parlando di pagamenti mancati (non è chiaro se si riferisca a sé stesso o al coach): “Questo è il nostro lavoro. Non lo facciamo gratis. Mi piacerebbe vedere come reagirebbero tutte queste persone che parlano di noi se andassero ogni giorno al lavoro senza venire pagati per mesi. Questo è il modo in cui ci prendiamo cura delle nostre famiglie come in tutti gli altri lavori. Pensateci prima di fare commenti poco informati”.

Una reazione è arrivata anche da Frank Gaines, che qualche tempo fa aveva chiesto che titolo potrebbe dare ad un proprio libro su questa stagione se decidesse mai di scriverne uno. Il playmaker americano ha quindi ironizzato: “Giuro che il mio libro su questa stagione sta migliorando sempre di più”.

Infine anche Randy Culpepper, a Cantù la scorsa stagione e più volte in polemica con la società per alcuni pagamenti ancora mancanti, ha commentato su Twitter la notizie di Pashutin: “Sì sto ancora aspettando il resto del mio salario della scorsa stagione… Pazzesco che il BAT mi abbia già dato ragione uno o due mesi fa, ma non abbia ricevuto nulla”.

  • 87
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.