I record stabiliti da Devin Booker nella straordinaria serata del TD Garden

NBA News

Devin Booker nella notte è entrato nella storia NBA dalla porta principale, ad appena 20 anni, e sembra importare piuttosto poco alla fine che suoi Phoenix Suns non siano andati nemmeno vicini a vincere la partita al TD Garden contro i Boston Celtics. Cos’è, d’altronde, una semplice vittoria in RS contro una prestazione che rimarrà scritta per anni nei libri di storia della Lega?

Booker ha segnato 70 punti, che sono a pari-merito il decimo miglior risultato della storia NBA, nonché il bottino più pesante da quando Kobe Bryant, nel 2006, ne segnò 81 contro Toronto. Il sophomore dei Suns è inoltre diventato il terzo giocatore di sempre capace di chiudere una partita con almeno 20 tiri dal campo e 20 tiri liberi realizzati, rispettivamente 21/40 e 24/26. Prima di lui ci erano riusciti solo Wilt Chamberlain nella famosissima partita dei 100 punti e Michael Jordan, nel 1990, quando segnò 69 punti.

Ovviamente Booker è diventato anche a mani bassissime il più giovane giocatore della storia a raggiungere la vetta dei 60 punti in una singola partita, Jerry West, nel 1963, ne scrisse 63 a 23 anni (mentre se si considerano i Playoffs, il più giovane era Michael Jordan, sempre 23 anni ma più giovane di West quando segnò 63 punti ai Celtics). Se invece prendiamo in considerazione la soglia dei 70 punti, David Thompson nel 1978 segnò 73 punti contro Detroit, ma a 23 anni. Sia LeBron James che Brandon Jennings, invece, hanno raggiunto prima di Booker i 50 punti.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.