I Toronto Raptors potrebbero giocare le partite in casa della prossima stagione a Lousville

Home NBA News

Della stagione NBA 2020-21 non si sa ancora molto, nemmeno la data di partenza, che verrà svelata presumibilmente nelle prossime settimane: tuttavia il commissioner Adam Silver ha più volte ribadito che l’obiettivo della Lega sarebbe quello di giocare le partite nelle arene delle rispettive squadre con addirittura il pubblico, abbandonando quindi l’idea di un’altra “bolla” come quella di Orlando.

Bisognerà ovviamente capire se una soluzione del genere sarà possibile, intanto però la franchigia che in ogni caso potrebbe avere delle difficoltà sono i Toronto Raptors: proprio a causa del Covid-19, sono infatti stati bloccati tutti i voli tra Stati Uniti e Canada, il che non permetterebbe né a Toronto di giocare le partite in trasferta, né alle altre 29 squadre di recarsi al Maple Leaf Sports & Entertainment. Per questo motivo, secondo Yahoo!Sports, una soluzione vagliata dalla NBA sarebbe quella di trasferire temporaneamente i Raptors a Lousville, nel Kentucky. La formazione di coach Nick Nurse giocherebbe quindi le partite casalinghe della prossima stagione su suolo americano, precisamente al KFC Yum! Center, una struttura attrezzata per le gare NBA. Si tratta ancora di una ipotesi, ma se la situazione della pandemia dovesse rimanere questa o addirittura peggiorare la Lega non vuole farsi trovare impreparata.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.