Iavazzi: “Avevo ragione ad esser scettico su Mr Williams”

Home Serie A News

Raffaele Iavazzi ancora una volta ai microfoni di Cestisticamente Parlando vuole chiarire la sua posizione e la situazione all’ombra della Reggia. Una “telenovela” che non vuole saperne di avere una svolta decisa nonostante luglio sia alle porte e il tempo per ultimare l’iscrizione stia inesorabilmente avvicinandosi alla scadenza.

“Spero di incontrare Scauzillo nei prossimi giorni perché deve chiarire un paio di cose non solo a me, ma a tutti. Intanto ho già presentato la denuncia contro di lui in Procura, atto dovuto perché nessuno si poteva immaginare che io rimanessi colluso da questa operazione alla quale non ho mai creduto. Nel momento in cui ho visto la lettera di intenti fatta in quel modo, senza una firma autentica e con un indirizzo di posta elettronica non aziendale, ho pensato che fosse uno scherzo. Successivamente, ho chiesto una misura camerale in Inghilterra di questa società e scopro che i proprietari sono 4 personaggi di Taiwan che non c’entrano nulla con Mr.Williams e che il capitale sociale di questa Alpha Plus International è di 100 sterline!!! Memore dell’esperienza poco felice con Galimberti, ho subito pensato che ci fosse qualcosa Iavazzi 2di strano. E poi qualcuno si è lamentato anche del fatto che non sono andato a Dubai! La proposta che mi hanno fatto è irricevibile e sono convinto che dietro questi personaggi ci sia qualcuno che non è di quelle zone. La fidejussione è un falso problema perché ce l’ho io fisicamente, sono riuscito ad ottenerla in 3 giorni, ma questo non significa che la trasmetta alla Lega per fare il prossimo campionato. Mi aspetto certezze dal territorio, perché la follia dell’anno scorso non sono disposto a farla ancora. Se dobbiamo fare la fidejussione per fare un campionato per retrocedere o rischiare di non finirlo, non ha senso inviarla perchè non voglio fare brutte figure. Da solo non ho la forza di finire il campionato, la fidejussione mi è costata un patrimonio. In settimana incontrerò il sindaco e gli sponsor per fare il punto della situazione per poi indire una conferenza verso la fine della prossima settimana insieme al sindaco. Se venisse anche Scauzillo a chiarire la sua posizione farebbe cosa gradita a tutta Caserta. Se il sindaco e il presidente della Provincia si prendono la responsabilità politica ed economica nei miei confronti come patron della società, allora iscrivo subito la squadra al campionato. Ho tentato – conclude Iavazzi – di parlare con tutti quelli che mi potevano dare una mano, ma quando si tratta di tirare fuori i soldi si fanno tutti indietro.” 

Parole che non promettono nulla di buono per il popolo casertano, ormai logoro e quasi rassegnato dopo anni di continui allarmi lanciati dal patron Iavazzi rimasti inascoltati, se non da qualche truffatore o Mr X senza volto. Una città che da anni vive i 40 minuti sul parquet come una distrazione per dribblare vicende che nulla hanno a che fare con schemi, giocatori, roster, scelte dell’allenatore e classifica. E anche la raccolta fondi indetta dall’Associazione “Io Sto con la JuveCaserta” si è ormai arenata intorno ai 52 mila euro da una decina di giorni, segno che questo continuo valzer di notizie, dietrofront, dichiarazioni, smentite e colpi di scena alquanto incredibili non hanno fatto altro che destabilizzare persino quelli “indecisi” a contribuire.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.