Il Fenerbahce soffre e vince all’overtime volando lontano dalla zona rossa

Coppe Europee Eurolega

FENERBAHCE BEKO ISTANBUL – ALBA BERLIN 107-102 d.t.s
(30-16/11-24/24-22/23-26/19-16)

Arriva in maniera sofferta la terza vittoria del Fenerbahce, che vincono all’overtime battendo una bellissima ALBA Berlino.  Nonostante la vivacità della sfida, le squadre giocano per un posto lontano dagli ultimi posto e vicino alla zona playoff.

Primi quarti completamente opposti per le due sfidanti. Il Fenerbahce inizia al meglio la sua gara portandosi prontamente a distanza di ben 11 punti dai tedeschi. Lauvergne e Williams trascinano i loro e, nonostante i tentativi avversari, anche grazie a Datome e Mahmutoglu, i turchi riescono a toccare quota 30 lunghezze lasciando l’ALBA lontana (30-16). Gli ospiti rimettono la testa fuori dalla terra e aprono a una bella rimonta grazie al break di 2-11 che fa infuriare Obradovic. La furia offensiva non si ferma: Giedraitis ed Ericksson aprono i cannoni e bombardano per il primo vantaggio dell’ALBA; Sloukas e Williams rispondono e solo nell’immediato finale Mahmutoglu decide di chiudere momentaneamente la disputa, con la tripla che scavalca il vantaggio di Sikma e sancisce alla sirena il primo tempo (41-40).
Al ritorno in campo la gara è più equilibrata che mai: l’ALBA parte con il piede giusto riportandosi avanti con Sikma e il solito Giedraitis dalla lunga distanza; i padroni di casa rispondono con il controbreak capitanato da Mahmutoglu, Lauvergne e Sloukas, ribaltando il risultato con Datome dalla lunetta. Rientra De Colo, risponde Siva; è un batti e ribatti continuo che non trova padrone. Tutto rimane in bilico, nonostante il “colpo di reni” del play francese e di Stimac. Tutto si decide nell’ultima frazione (65-62). La gara si anima con grandi giocate e tanta garra nonostante 3/4 siano già passati. De Colo e Sloukas cercano i punti della fuga, Ericksson e Nnoko rispondono prontamente per il pareggio, prima che Hermannsson, prima con un 2+1 e poi con la tripla, rimetta avanti l’ALBA di quattro lunghezze. La difesa fallosa dei locali avvantaggia la compagine tedesca, che sfrutta come può il bonus rimanendo saldamente avanti. Dopo minuti di stallo Sloukas e De Colo danno la carica giusta per tentare il salto definitivo: la giocata decisiva sembra arrivare dalla difesa di Williams, che stoppa Giffey e schiaccia per il +3 turco. Ma il finale rocambolesco regala quattro punti facili ai tedeschi, che pareggiano la disputa con il tap-in di Sikma a 7” dalla sirena. Non bastano 40 minuti; si va all’overtime (88-88).
I cinque minuti supplementari sono intensi come i primi 40, ed entrambe le squadre fanno a sportellate per riuscire a portare a casa la vittoria. I giocatori decisivi, ça va sans dire, sono due uomini di casa: il capitano Mahmutoglu, con la tripla del vantaggio, e Duverioglu, soluzione unica nel pitturato per i gialloblu. Sotto di 6 l’ALBA non vuole arrendersi, ma il cronometro vola e la sirena spegne le speranze, accendendo il sanguigno pubblico di casa (107-102).

FENERBAHCE BEKO ISTANBUL: Sloukas 23 (+10 a.) – Mahmutoglu 17 – De Colo 18

 ALBA BERLIN: Giedraitis 19 – Sikma 18 – Giffey/Hermannsson 12

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.