Post Milano-Pesaro: le parole dei due coach

Serie A News

Le parole di Simone Pianigiani e di Massimo Galli dopo l’incredibile vittoria di Pesaro sul campo dell’Olimpia Milano.

Devo chiedere scusa per una partita molto brutta contro una squadra che non molla mai e giocava per la salvezza quindi è normale che abbia dato tutto ma lo sapevamo. Oggi abbiamo messo tante cose assieme a partire dalla mancanza di Goudelock e la necessità di rimettere in ritmo chi ha avuto problemi come Micov e Theodore. Non voglio cercare scuse perché avremmo dovuto vincere, segnare i lay-up facili che abbiamo sbagliato e i tiri da fuori aperti che loro hanno messo, oppure fare più contropiede ma forse lì le gambe pesanti non ci hanno sostenuto. Pesaro ha vinto con merito. Tra 10 giorni cominciano i playoff e dobbiamo ritrovare fiducia, quella che avevamo durante la striscia di nove vittorie e dobbiamo assolutamente ricostruire. Avrei voluto arrivare ai playoff con un ambiente migliore attorno a noi, più fiducia. Spero che la gente capisca che questi ragazzi ci tengono e sono i primi ad essere dispiaciuti quando non riescono a fare quello che possono, come Kuzminskas. Ora è in difficoltà ma ha una storia e un passato, viene dalla NBA. Dobbiamo aiutarlo, perché questo è un momento difficile ma ho visto che in tanti ci sono passati. Oggi nessuno ha giocato una buona partita. Ma abbiamo 10 giorni per prepararci bene e sappiamo che fin dall’inizio saranno tutte battaglie.

Galli:

Nella situazione in cui ci trovavamo prima di questa partita, era fondamentale vincere. Lo abbiamo fatto qui, e siamo stati molto bravi, soprattutto perché non avevamo Mika per problemi al ginocchio sinistro. Ho chiesto ai ragazzi uno sforzo superiore. Stasera – ha proseguito il coach – abbiamo dimostrato che questa società e questa squadra vogliono rimanere in serie A, e vogliamo meritare di essere nel massimo campionato anche nella prossima stagione”, ha sottolineato Galli.

Sul match odierno, ha spiegato: “Con i problemi di falli di Ancellotti ed Omogbo nei primi due quarti, siamo stati costretti a giocare per gran parte della partita a zona: abbiamo protetto bene l’area, costringendo Milano a soluzioni forzate dal perimetro. La vittoria è meritata, ma sappiamo che a due partite dalla fine ne dobbiamo vincere almeno un’altra per raggiungere la salvezza. Domenica arriva Venezia, un match difficile ma per noi è un’altra opportunità che dobbiamo sfruttare”, ha detto il coach.

Faccio i complimenti ai ragazzi per come hanno interpretato la partita e per il carattere, la grinta e le qualità tecniche che abbiamo messo in campo. Stasera anche grazie alla paura finale di Milano che ha sempre inseguito, abbiamo messo in difficoltà i nostri avversari. Questo è il nostro grande merito”, ha sottolineato. “Dobbiamo vincere almeno una delle due gare che mancano alla fine: questo poteva essere un match fuori portata, ma i miei giocatori sono stati eccezionali ad applicare il piano partita – ha proseguito – Bertone è stato decisivo in attacco nei primi due quarti, poi nel secondo tempo è stato molto importante far giocare Omogbo da 5, mossa che ha messo in difficoltà Tarczewski e Gudaitis”, ha evidenziato. Mentalmente questa vittoria è molto importante, ma dobbiamo rimanere sempre concentrati: dobbiamo resettare tutto, la partita di domenica contro Venezia vale una stagione, e dobbiamo vincerla”, ha concluso il coach biancorosso.

Fonte: Ufficio Stampa Olimpia Milano&Victoria Libertas Pesaro

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.