Il Real gestisce per 3 quarti, ma il CSKA la vince negli ultimi secondi e raggiunge la Finale

Coppe Europee Eurolega

CSKA Mosca – Real Madrid 95 – 90

(18 – 22;  25 – 23;  22 – 28;  30 – 17)

Va in scena la rivincita tra le due semifinaliste dell’anno precedente: non c’è più Luka Doncic, ma 20 giocatori (11 del Real, 9 del CSKA) sono gli stessi.

Inizio dominante per Edy Tavares che, sfruttando i blocchi centrali per mettere in difficoltà Othello Hunter, viene mandato a schiacciare da Campazzo prima e Fernandez poi, mentre dall’altra parte è Daniel Hackett a prendersi maggiori responsabilità guadagnandosi 4 tiri liberi (3/4). Un parziale di 0 – 7 madrileno targato Tavares, autore di 2 punti dopo un rimbalzo offensivo e due stoppate, ed Anthony Randolph con 5 punti, permette al Real di doppiare gli avversari sul punteggio di 11 – 22, tuttavia il CSKA negli ultimi ‘2 si rimette in partita con un controparziale di 7 – 0 grazie ai 5 punti consecutivi di Sergio Rodriguez.

Ancora il Chacho al ’13 impatta a quota 26 ma, se in attacco è una sentenza (sua la tripla del 29 – 28) in difesa prima si fa battere in palleggio da Llull, regalando 2 punti facili, poi regala 3 liberi a Jaycee Carroll. La gara rimane punto a punto fino al ’19 quando Trey Thompkins dopo un pick and popo mette la tripla del + 6, ma Will Clyburn con 6 punti nell’ultimo minuto permette ai rossoblù di rimanere a contatto.

Nel terzo quarto la partita diventa più fisica ed i falli aumentano; il Real arriva a + 8 con Campazzo che realizza 5 punti e manda Ayon al ferro con un assist, poi tocca anche il +14 con la tripla di Randolph ed i due punti sotto canestro di Causeur. I russi provano a ricucire lo svantaggio, De Colo con due viaggi in lunetta fa 4/4 per il – 10 ma al ’28 Sergio Llull gli risponde immediatamente con canestro più libero supplementare. E nel momento di maggior difficoltà per la squadra di coach Itoudis grazie a 5 punti di Rodriguez ed un rimbalzo offensivo con schiacciata di Hunter si porta a  – 8.

Al ’32 con gli avversari pericolosamente vicini, Llull dal palleggio batte l’ex compagno Rodriguez in palleggio e riporta a + 9 i suoi, dopo però forza 3 triple tutte sbagliate ed il momentum passa dalla parte del CSKA: dopo 3 liberi di De Colo, di cui uno per un tecnico di coach Laso, i russi tornano ad un solo possesso di distanza. Clyburn al ’36 mette la tripla in isolamento del – 1, poi impatta a quota 80 con un 1/2 dalla lunetta. Dopo una tripla pesantissima di Jeff Taylor, Randolph da una parte ed Higgins dall’altra schiacciano ma il canestro decisivo è di Nando De Colo, il quale col palleggio arresto e tiro dai 6 metri e 75 regala il vantaggio ai russi, con poco più di un minuto dalla fine. Randolph può pareggiarla spalle a canestro, ma sbaglia e poi sbaglia il tap in su rimbalzo offensivo, ed i Blancos sono costretti a fare fallo sistematico: prima ci va Rodriguez (2/2), poi Llull con una tripla a 17 secondi dalla fine lascia qualche speranza al Real, ma infine Higgins (2/2) regala il pass per la finale al CSKA.

Tabellini

CSKA: De Colo 23, Bolomboy 0, Peters 3,  Ukhov DNP, Rodriguez 23, Voronstevich DNP, Clyburn 18, Higgins 11, Hackett 3, Kurbanov 0, Hines 6, Hunter 8.

Real: Causeur 18, Randolph 12, Fernandez 10, Campazzo 10, Reyes DNP, Ayon 2, Tavares 6, Carroll 5, Llull 13 (1/10 da tre punti), Deck 2, Thomkins 9, Taylor 3.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.