Inizia al meglio l’era Pitino: Panathinaikos stende un irriconoscibile CSKA

Coppe Europee Eurolega

PANATHINAIKOS OPAP ATHENS – CSKA MOSCOW 96-84
(19-26/36-18/17-18/24-22)

E’ vittorioso il nuovo corso di Rick Pitino sulla panchina verde dell’OAKA. Il suo Panathinaikos torna infatti alla vittoria contro un sorprendente (negativamente) CSKA Mosca, e lo fa nel miglior modo possibile per statistiche su palle perse, azioni concluse e falli concessi e subiti.

Nonostante l’intimidatorio primo passo prepotente dei padroni di casa con il +5, va ai russi il quarto iniziale: De Colo apre al break di 11-0 che fa spiccare un ispirato Clyburn, già in doppia cifra dopo appena sette minuti. Ancora il francese risponde a Gist sulla discrepanza di un possesso, seguito poi da Hackett, Higgins e Hines che nel finale mettono un importante 6-0 di parziale (19-26). I biancoverdi hanno tutto sotto controllo nonostante la distanza e marchiano a fuoco la gara alla ripresa: Lekavicius e Papapetrou mettono i canestri che consentono rimonta e fiato sul collo del CSKA. Gli ospiti vanno in affanno, riescono a mantenere la testa nonostante le tante incursioni locali ma sul calar del primo tempo sono costretti a cedere progressivamente terreno; Gist, Calathes e Lekavicius fanno tremare l’OAKA azione dopo azione, e nelle mani precise di Thomas è riposta la tripla del +9. In un periodo di grazia i moscoviti non riescono a chiudere vicini, concedendo ben 11 lunghezze nonostante l’apporto dell’intero quintetto (48-41).
Il ritorno sul parquet è caratterizzato da un lungo botta e risposta tra le compagini nel quarto meno denso di punti della gara. I tanti accorciamenti provenienti soprattutto dalle mani di Othello Hunter e Clyburn, arrivati addirittura al -5 con un bel 8-0 di parziale, vanno a infrangersi contro il muro greco eretto da Calathes, un sorprendente Papapetrou e Mitoglu, autore della tripla che riporta in equilibrio la terza frazione (72-62). CSKA rimette tutto in discussione nei primi attimi del quarto finale con un ottimo 8-0 di break. La tripla di Hackett costringe coach Pitino a chiamare un time out sanatorio, a cui fa seguito l’allungo decisivo dei padroni di casa: Calathes segna e ispira i compagni, Thomas e Lasme seguono mentre gli ospiti sbagliano tutte le scelte decisive. La tripla di Lekavicius sa di mannaia per i ragazzi di coach Itoudis, sotto di 14 punti a 100” dalla sirena. I russi riescono a rosicchiare qualche punto ma alla sirena è festa all’OAKA; Pitino può godersi i primi frutti della nuova avventura in terra ellenica (96-84).

PANATHINAIKOS OPAP ATHENS Papapetrou 17 – Calathes 14 – Lasme 13

CSKA MOSCOW Clyburn 24 – De Colo 17 – Higgins 12

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.