Italia-Croazia: la presentazione della partita del 28 giugno all’Alma Arena

Home Nazionali News

Si è tenuta nella mattinata di oggi presso la sala del Consiglio Comunale in Piazza Unità d’Italia a Trieste la conferenza stampa di presentazione del match Italia-Croazia, che si disputerà giovedì 28 giugno all’Alma Arena. Una partita delicata per la nostra Italia che con tutta probabilità si giocherà in questa gara la qualificazione ai Mondiali del 2019 in Cina.

Sarà la 23 esima volta che Trieste ospita la Nazionale, la prima fu nel lontano 1953 (Italia-Francia 52-47). Nel capoluogo giuliano, una sottospecie di talismano per i colori azzurri, l’Italia ha collezionato ben 19 vittorie e solo 3 sconfitte, due proprio contro la Croazia in gare amichevoli. L’ultima volta che l’Italia ha affrontato la nazionale balcanica, sempre in amichevole, al’ex Pala Rubini, l’8 agosto 2012, ha, però, vinto per 78-70. Nelle ultime 10 partite giocate all’Alma Arena, inoltre, gli azzurri hanno sempre ottenuto un risultato positivo, anche nel caso di incontri di qualificazione, come quelli validi per l’Europeo del 2013 (Italia-Repubblica Ceca 68-56; Italia-Bielorussia 83-58).

L’evento sarà organizzato da Master Group Sport, il nuovo advisor commerciale della Federazione Italiana Pallacanestro.

Hanno presieduto alla conferenza il Sindaco di Trieste Roberto Dipiazza, il prefetto della città giuliana Annapaola Porzio, l’Assessore allo Sport del Comune di Trieste Giorgio Rossi, il Presidente della Fip Giovanni Petrucci, il CT della Nazionale Meo Sacchetti, i dirigenti dell’Alma Pallacanestro Trieste Gianluca Mauro e Mario Ghiacchi, l’allenatore del club giuliano Eugenio Dalmasson e il Direttore Generale di Master Group Sport (nuovo advisor commerciale Fip) Antonio Santa Maria.

Per l’occasione Sacchetti ha svelato la lista dei 24 giocatori che potranno far parte della squadra nelle gare contro la Croazia e i Paesi Bassi, gli ultimi due impegni della prima fase di qualificazione al Mondiale 2019.

Di seguito le dichiarazioni più importanti delle autorità presenti a questo evento di presentazione.

Mario Ghiacci, general manager Alma Trieste:

“Per noi dell’Alma è un periodo d’oro, abbiamo lavorato tantissimo per arrivare alla finali di Serie A2. Il nostro obbiettivo è tornare in A1 e credo se lo meriti la società, ma non solo, se lo merita anche la città, che ci è sempre stata vicino in questi anni. Siamo responsabilizzati su quanto sia importante questo obbiettivo e speriamo di raggiungerlo nelle prossime gare. Per quanto riguarda la gara tra Italia e Croazia questo sarà un grandissimo evento ed è merito della città, delle sue strutture e dell’amministrazione comunale, che crede molto nello sport, se sarà possibile ospitarlo. In bocca al lupo, quindi, alla Nazionale ma anche e alla nostra società per le finali play-off.”

ilpiccologelocal.it

Gianluca Mauro, presidente Alma Trieste:

E’ un onore per Trieste poter ospitare l’Italia e il basket di grande livello, faccio quindi un in bocca al lupo a Sacchetti per la sua carriera in Nazionale. Mi riallaccio poi alle parole del presidente Petrucci dicendo che prima di arrivare a Trieste capivo poco o niente di pallacanestro, ma appena sono entrato all’Alma Arena dove c’erano circa 5-6 mila persone e penso di essermi innamorato. Questo amore da quel giorno ad oggi è stato sempre lo stesso, non è mai cambiato ed è stato il frutto della grande atmosfera che c’è in questa città, della grande passione per il basket, un sentimento unico. Vi ringrazio quindi di essere venuti in questa città e sono sicuro che l’Italia sarà sempre sostenuta al massimo come avviene per la Pallacanestro Trieste ogni domenica e ogni giorno.”

Giovanni Petrucci:

“Grazie al sindaco Dipiazza per l’accoglienza e per aver sempre lavorato per il mondo della pallacanestro in questi anni, insieme all’amministrazione comunale,anche a nome di tutta la Federazione. Il nuovo tabellone segnapunti (recentemente installato all’Alma Arena ndr) è una dimostrazione di questo grande impegno. Grazie anche alla Master Grupo che organizzerà questo evento ed ha sempre dimostrato grande impegno. In bocca al lupo poi al CT Sachetti e alla nostra Nazionale. Non sarà una partita semplice e la Croazia è una grande squadra, nonostante non sia a punteggio pieno come l’Italia. Torneranno però tutti i giocatori più importanti per la gara contro la nostra Nazionale, ma non dobbiamo fasciarci la testa, affronteremo questa partita con i giocatori che abbiamo con serenità e serietà. Un grosso in bocca al lupo poi a Trieste per la finale promozione, che ha sempre dimostrato grande entusiasmo, anche nei miei confronti, riempendo quasi sempre il palazzetto con 6-7 mila spettatori. Sono certo quindi che anche per l’Italia ci sarà il tutto esaurito. In bocca al lupo anche a Casale, altra grande squadra con un grande imprenditore come Giancarlo Cerutti e poi pure ad Eugenio Dalmasson, nostro coach della Nazionale under 20. Sono momenti di grande entusiasmo per Trieste e la città lo merita soprattutto per quello che ha fatto e fa per lo sport in generale.”

Romeo Sacchetti: 

“Abbiamo sempre posto i nostri obbiettivi ragionando partita per partita e abbiamo sempre pensato a come lavorare nel miglior modo possibile. Ora ci aspetta la sfida contro la Croazia, che non ha bisogno di presentazioni. Abbiamo creato un buon gruppo e credo che questo ci abbia aiutato ad ottenere le vittorie precedenti. I croati avranno a disposizione sicuramente i loro migliori giocatori, mentre noi ci presentiamo con i nostri migliori giocatori al momento e che ci hanno dato la loro disponibilità. Ho parlato anche con i nostri giocatori che fanno l’Eurolega e l’Nba, ho parlato anche con Marco Belinelli, che e stato molto disponibile. Lui però in questo momento delicato non può fare una scelta per questa partita, ma è sempre rimasto legato all’azzurro e verrà a trovarci durante il raduno di Roma. Questo è un messaggio importante di attaccamento a questi colori e voglio recapitarlo anche agi altri giocatori che fanno e faranno parte della Nazionale. Sono curioso di vedere come si comporteranno i miei ragazzi contro la Croazia e il loro migliori giocatori e voglio che abbiano gli stimoli giusti per dimostrare il proprio valore, come fatto nelle quattro gare precedenti. Sono sicuro quindi che nonostante la caratura tecnica e fisica degli avversari i nostri giocatori abbiano tutte le qualità e le capacità per affrontare questo match. Il valore aggiunto per me è stato e sarà sempre il fatto che si è creato un grande gruppo di ragazzi, che stanno bene assieme e lavorano bene assieme.”

Immagine in evidenza tratta da mastergroupsport.com

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.